SERENATA A MARGELLINA


(Matucci, Mazzocco – 1960)


 
'Ncopp'a ll'onne d' 'o mare, 'sta luna
nu merletto d'argiento mo fa,
na chitarra, na voce luntana,
nonna nonna mme stanno a cantà.
E na vocca ca more 'e passione,
doce, 'nzuonno, mme vène a vasà.
 
Sulle onde del mare, questa luna
ora crea un merletto d'argento,
una chitarra, una voce lontana,
una ninna nanna mi stanno cantando.
E una bocca che muore di passione,
dolce, in sogno, mi viene a baciare.
 
Margellina,
Margellina,
dint'a 'sta varca
famme sunnà.
Vocame, vocame,
nun mme scetà.
 
Mergellina,
Mergellina,
in questa barca
fammi sognare.
Remami, remami,
non mi svegliare.
 
Doce doce mme portano ll'onne
addó' tutto mme pòzzo scurdà.
Mentre mamma ca veglia stu suonno,
na cuperta cu 'e stelle mme fa
e na mana da 'o cielo mme stenne,
ca sti llacreme vène a asciuttà.
 
Dolcemente mi portano le onde
dove tutto mi posso dimenticare.
Mentre mamma che veglia questo sonno,
una coperta con le stelle mi fa
e una mano dal cielo mi stende,
perchè queste lacrime viene ad asciugare.
 
Margellina,
…………..
Mergellina,
…………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia