SERENATA NAPULITANA


(E. Murolo, Tagliaferri – 1923)


 
Allèra e sulitaria,
strada 'e Pusilleco,
si' sempe tu.
Tutt' 'e ccanzone 'e Napule,
pe' te ha cantato e canta 'a giuventù.
Viuline ca só' lacreme,
chitarre appassiunate.
Quanta peccate a 'e ffemmene
stu mare ha fatto fà.
 
Allegra e solitaria,
strada di Posillipo,
sei sempre tu.
Tutte le canzoni di Napoli,
per te ha cantato e canta la gioventù.
Violini che sono lacrime,
chitarre appassionate.
Quanti peccati alle donne
questo mare ha fatto fare.
 
Varche a cònnola ogne sera
sott' 'e ggrotte 'e Marechiaro.
Passa Ammore, ride e va,
mentre se sentono
parole e museca,
ca sulo Napule
sape cantà.
 
Barche a gondola ogni sera
sotto le grotte di Marechiaro.
Passa Amore, ride e va,
mentre si sentono
parole e musica,
che solo Napoli
sa cantare.
 
Cchiù bello e malinconico,
mare 'e Pusilleco,
mme pare a me,
quanno tutt'è silenzio,
Napule dorme e, 'nzuonno, penza a te.
Pe' sott' 'e scoglie vocano
varchette 'e piscatore,
lente e luntane sonano
ll'ore d' 'a notte già.
 
Più bello e malinconico,
mare di Posillipo,
mi sembri,
quando tutto è in silenzio,
Napoli dorme e, nel sonno, pensa a te.
Tra gli scogli navigano
barchette di pescatori,
lente e lontane suonano
già le ore della notte.
 
Varche a cònnola ogne sera
………………………………..
 
Barche a gondola ogni sera
……………………………….
 
Tesoro mio, che palpite
sott'a chist'arbere
pe' te vedé.
Cu 'sta faccella pallida
mo guarde 'a luna e triemme 'mbracci'a me.
Chist'uocchie mieje te chiammano:
"Vita d' 'a vita mia".
Languide 'e tuoje rispònnono:
"Dimme, che vuó'? Stó' ccà".
 
Tesoro mio, che palpiti
sotto a questi alberi
per vederti.
Con questo faccino pallido
ora guardi la luna e tremi tra le mie braccia.
Questi occhi miei ti chiamano:
"Vita della mia vita".
Languidi i tuoi mi rispondono:
"Dimmi, cosa vuoi? Sono qua".
 
Varche a cònnola ogne sera
………………………………..
Barche a gondola ogni sera
……………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia