SERENATA 'E PULICENELLA


(Cimarosa – 1749)


 
'Ntreté',
'ntretélla mia,
sta venenno Pulicenella,
Pulicenella tuojo.
Sciasciona,
sciasciona mia, affácciate.
 
Bella,
Bella mia,
sta arrivando Pulcinella,
Pulcinella tuo.
Dolcezza,
Dolcezza mia, affacciati.
 
Nenné', gué gué, frabbotta,
ccá sta Pulicenella,
te caccia la lenguella
e dice: "Fatte ccá".

E ched è, nun mme sente?
 
Bimba, uè, uè, farabutta,
qua c'è pulcinella,
tira fuori la lingua
e dice: "Vieni qua".

Cosa c'è, non mi senti?
 
Nenné', cu 'sta vucchella,
cu st'uocchie, cu sti vruoccole,
lu core, comm'a spruoccolo,
mme staje a straziá.

E nun s'affaccia ancora.
 
Bimba, con questa boccuccia,
con questi occhi, con queste smancerie
il cuore, coma ad un bastoncino,
mi stai straziando.

E non si affaccia ancora.
 
Nenné', 'ntreté', 'ntretélla1,
cara, caré',carella.
'Ntreté', rusecarella,
nun farme cchiù pená.
 
Bimba, bella, bella1,
cara, caruccia, caruccia.
Bella, dolce,
non farmi più penare.
 
E che ll'aggio fatto 'e male?
Essa è sempe 'o core mio.
Gioja de st'arma mia, jésce ccá fora
ca mámmeta nun c'è. Jésce a malora.
 
E che ti ho fatto di male?
Lei è sempre il mio cuore.
Gioia di quest'anima mia, esci qua fuori
che tua mamma non c'è. Esci maledizione.
 
'Ntreté', 'ntretélla mia.
Carugnona. Carugnona. Carugnona.
Jammoncenne
e ghiammoncenne.
Bella, bella mia.
Carognona. Carognona. Carognona.
Andiamocene
e andiamocene.


1 Letteralmente, la parola 'ntretélla indica una ragazza appetitosa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia