SERENATA SMARGIASSA


(Jannuzzi, E. A. Mario – 1921)


 
E cant'i' pure sotto a stu balcone.
Comm'è? Cantanno vuje nun s'è affacciata?
Vedimmo si lle faccio 'mpressione,
o perd'i' pure 'o tiempo e 'a serenata.
Ll'avite fatta jì troppo 'nfantasia.
La ronna nun s'ha da trattà cu 'e guante,
s'ha da ammappucià.
Mo ch'essa sente 'a serenata mia,
senza squarciunià,
mi preferisce in mezzi a centi amante.
 
E canto anche sotto a questo balcone.
E come? Cantando voi non vi si è affacciata?
Vediamo se le faccio impressione,
o se perdo anche io il tempo e la serenata.
L'avete fatta sognare troppo.
La donna non si deve trattare con i guanti,
si deve stropicciare.
Ora che lei sente ma mia serenata,
senza esibizionismi,
mi preferisce tra cento amanti.
 
"O ronna1, ca d' 'e ffate si' 'a cchiù bella,
se non ti affacci cu stu chiaro 'e luna,
poso 'a chitarra, caccio 'a rivuldella
e ti frezzéo le lastre a una a una.
E se con questo non ci accaccio niente,
io, pe' nun fà 'a figura del citrulo,
saccio comm'aggi' 'a fà.
Domani, addó' te 'ncòccio, gentilmente,
no per esagerà,
ti piazzo in faccia il taglio del rasulo".
 
"O donna1 che delle fate sei la più bella,
se non ti affacci con questo chiaro di luna,
poso la chitarra, tiro fuori la rivoltella
e ti crivello i vetri uno ad uno.
E se con questo non ottengo niente,
io, per non fare la figura del citrullo,
so come devo fare.
Domani, dove ti incontro, gentilmente,
non per esagerare,
ti piazzo in faccia il taglio del rasoio".
 
Tenete mente. Un lumo e una figura.
Lei mi fa un segno e dice: "Saglie, viene".
A letto non si sente più sicura.
E i' mo nci saglio perché mi conviene.
Ci vuole la parola convincente
'e ll'ommo ca s'impone cu 'a presenza
pe' farla ricalà.
Ma se cantate appassiunatamente,
játeve a ritirà.
Se poi restate, buona permanenza.
Guardate. Una luce e una figura.
Lei mi fa un segno e dice: "Sali, vieni".
A letto non si sente più sicura.
E io ora ci salgo perchè mi conviene.
Ci vuole la parola convincente
e l'uomo che s'imporne con la presenza
per farla scendere.
Ma se cantate appassionatamente,
tornatevene a casa.
Se poi rimanete, buona permanenza.


1 Di solito, nel dialetto napoletano, la donna è indicata con la parola "femmena". In questo caso, invece, viene usata la parola "ronna". Storicamente, questa espressione veniva usata per un particolare tipo di pere presenti nei mercati ortofrutticoli napoletani, pere non particolarmente polpose, le quali richiamavano alla mente le cosce prosperose di una donna. In francese, questi frutti erano detti "cloches de rouen", cioè "campane di Rouen", in quanto la pera così chiamata ha la forma di una campanella e proviene dalla zona francese di Rouen. Da qui, poi, la trasposizione in napoletano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia