SERENATELLA A MARE


(Bovio, Valente – 1916)


 
Bella è 'a campagna, ma è cchiù bello 'o mare,
stu mare malinconico d' 'a sera.
A mezanotte, Napule mme pare,
dint'a ll'oscurità, na fata nera.
 
Bella è la campagna, ma più bello è il mare,
questo mare malinconico della sera.
A mezzanotte, Napoli mi sembra,
nell'oscurità, una fata nera.
 
Passa na varca, sona na campana,
chiagne na voce 'ncopp' 'o mandulino.
E io canto: "Bella mia ca staje luntana
te voglio bene e nun t' 'o vvoglio dì".
 
Passa una barca, suona una campana,
piange una voce sul mandolino.
E io canto: "Bella mia che sei lontana
ti voglio bene e non te lo voglio dire".
 
'Ammore canta, na chitarra sona,
e 'o mare addora, e addorano 'e ciardine.
E io 'nzerro ll'uocchie tanto ca mme stona
st'addore d'erba 'e mare e mandarine.
 
L'amore canta, una chitarra suona,
e il mare profuma, e profumano i giardini.
E io chiudo gli occhi tanto che mi confonde
questo odore d'erba di mare e mandarini.
 
Passa na varca, sona na campana,
chiagne na voce 'ncopp' 'o mandulino.
E io canto: "bella mia ca staje luntana,
te voglio bene e nun t' 'o vvoglio dì".
 
Passa una barca, suona una campana,
piange una voce sul mandolino.
E io canto: "Bella mia che sei lontana
ti voglio bene e non te lo voglio dire".
 
E voca voca, 'a varca s'avvicina.
Tremma na mana 'a rèto a nu balcone.
'A pace è fatta. I' 'a veco, è Carulina.
E tutt' 'o munno pare na canzone.
 
E rema rema, la barca si avvicina.
Trema una mano dietro ad un balcone.
La pace è fatta. La vedo, è Carolina.
E tutto il mondo sembra una canzone.
 
E sona allèra allèra na campana,
e siente comm'è doce 'o mandulino.
No, nénna bella mia nun sta luntana.
E io 'a voglio bene e mo nce 'o vvoglio dì.
E suona allegra allegra una campana,
e senti com'è dolce il mandolino.
No, la mia bimba bella non è lontana.
E iole voglio bene e ora glie lo voglio dire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia