SIENTE, MARÌ'


(B. U. Netti, Valente – 1923)


 
Si chistu core mio te parla 'e bene
nun 'o sentì, pecché te pò 'ngannà.
Si dint'a st'uocchie mieje nce liegge 'e ppene,
só' sempe 'e stesse pene 'e n'anno fa.
 
Se questo cuore mio ti parla di bene
non ascoltarlo, perchè ti può ingannare.
Se in questi miei occhi leggi le pene,
sono sempre le stesse pene di un anno fa.
 
Siente, Marì',
stu core mio nun te vò' bene a te.
Si parla nun 'o sentere,
si giura nun 'o credere,
si chiagne fallo chiagnere,
Marì'.
Pecché tutte sti llacreme nun só' pe'tté,
Marì'.
 
Senti, Maria,
questo mio cuore non vuole bene a te.
Se parla non lo ascoltare,
se giura non gli credere,
se piange fallo piangere.
Maria.
Perchè tutte queste lacrime non sono per te,
Maria.
 
Si vide ca nu juorno mm'alluntano,
tu nun suffrì, ca io nun só' degno 'e te.
Parto pe' nu paese 'o cchiù stramano,
addó' nisciuno sape niente 'e me.
 
Se vedi che un giorno mi allontano,
non soffrire perchè non sono degno di te.
Parto per un paese più lontano,
dove nessuno sa niente di me.
 
Siente, Marí',
………………
 
Senti, Maria,
……………..
 
E' 'o mmale ca nce attira e nce 'ncatena.
Povero a me ca 'ncatenato stó'.
Tu ca n'hê avuto pena 'e chesta pena,
lássame sulo e sálvate si può.
 
E' il male che ci attira e ci incatena.
Povero me che sono incatenato.
Tu che hai avuto pena di questa pena,
lasciami solo e salvati se puoi.
 
Siente, Marí',
………………
Senti, Maria,
……………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia