SIGNORNO'


(Pisano, Falvo – 1927)


 
Signor Tenente,
vuje ca tenite duje filette 'argiento
e site ammartenato ed elegante,
cu Rosa mia nun ne cacciate niente,
cu tutto ca facite 'o spasimante.
V' 'avite fatto malamente 'o cunto.
 
Signor Tenente,
voi che avete due gradi d'argento
e siete spavaldo ed elegante,
con la mia Rosa non ci guadagnate niente,
nonostante facciate lo spasimante.
Avete fatto male i conti.
 
Rosa vo' bene a me.
Rosa vo' bene a me.

Só' suldato e mme truvate
sempe pronto a v'ubbidì.
Quanno vuje mme cummannate,
ve rispóngo: "Signorsì".
 
Rosa vuol bene a me.
Rosa vuol bene a me.

Sono soldato e mi trovate
sempre pronto ad obbedirvi.
Quando voi mi comandate,
vi rispondo: "Signorsì".
 
Ma quanno, 'a Rosa mia, cercàte 'ammore,
'o core 'e Rosa nun è militare
e siccome nun ve vò',
ve risponne: "Signornò".
 
Ma quando, alla mia rosa, chiedete l'amore,
il cuore di Rosa non è militare
e siccome non vi vuole,
vi risponde; "Signornò".
 
Signor Tenente,
vuje lle screvite lettere ogne tanto,
ca nun durmite pe' n'ammore ardente.
Invece io stóngo allero, rido e canto,
'a notte dormo sapuritamente
e po' mme sceto comm'a nu rignante.
 
Signor Tenente,
voi le scrivete lettere ogni tanto,
perchè non dormite per un amore ardente.
Invece io sono allegro, rido e canto,
la notte dormo profondamente
e poi mi sveglio come un regnante.
 
Mo ve spiegh'io pecché
Rosa è fedele a me.

Só' suldato? Ma scusate,
nun só' masculo pur'i'?
Quanno vuje mme cunzignate
dico sempe: "Signorsì".
 
Ora vi spiego perchè
Rosa è fedele a me.

Sono soldato? Ma scusate,
non sono uomo anch'io?
Quando voi mi date dei compiti
dico sempre: "Signorsì".
 
Ma quanno, 'a Rosa mia, cercàte 'ammore,
………………………………………………….
 
Ma quando, alla mia rosa, chiedete l'amore,
…………………………………………………..
 
Signor Tenente,
facimmo finta ca pe' nu mumento
io nun só' cchiù suldato e vuje tenente.
Mm'avit'a dì se c'è un regolamento
ca n'ufficiale, delicatamente,
se spassa a corteggiare la mia amante?
 
Signor Tenente,
facciamo finta per un momento
io non sono più soldato e voi tenente.
Mi dovreste dire se c'è un regolamento
che un ufficiale, delicatamente,
si diverte a corteggiare la mia amante?
 
Questo vorrei sapé',
questo, signor tenè'.

Só' suldato e mme truvate,
pe' cumbattere e murì,
sempe pronto: "Cummannate.
Per l'Italia? Signorsì".
 
Questo vorrei sapere,
questo, signore tenente.
Sono soldato e mi trovate,
per combattere e morire,
sempre pronto: "Comandate.
Per l'Italia? Signorsì".
 
Ma quanno, 'a Rosa mia, cercàte 'ammore,
………………………………………………….
Ma quando, alla mia rosa, chiedete l'amore,
…………………………………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia