SIMMO 'E NAPULE PAISA'


(Fiorelli, Valente – 1944)


 
Tarantella, facennoce 'e cunte,
nun vale cchiù a niente
'o ppassato a penzà.

Quanno nun ce stanno 'e tramme,
na carrozza è sempe pronta
n'ata a ll'angolo sta già.
 
Tarantella, facendoci i conti,
non serve più a niente
pensare al passato.

Quando non ci sono i tram,
una carrozza è sempre pronta
un'altra all'angolo c'è già.
 
Caccia, oje nénna, 'o crespo giallo,
miette 'a vesta cchiù carella,
cu na rosa 'int' 'e capille,
saje che 'mmidia 'ncuoll' a me.

Tarantella, facènnoce 'e cunte,
nun vale cchiù a niente
"'o ppeccomme e 'o ppecché".
 
Tira fuori, o donna, lo scialle giallo,
indossa la veste più carina,
con una rosa tra i capelli,
vedrai che invidia su di me.

Tarantella, facendoci i conti,
non serve più a niente
"il percome ed il perché".
 
Basta ca ce sta 'o Sole,
ca c'è rimasto 'o mare,
na nénna a core a core,
na canzone pe' cantà.
Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
scurdàmmoce 'o ppassato,
simmo 'e Napule paisà.
 
Basta che c'è il sole,
che c'è rimasto il mare,
una ragazza cuore a cuore,
una canzone da cantare.
Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto,
chi ha dato, ha dato, ha dato,
dimentichiamoci il passato,
siamo di Napoli compaesani.
 
Tarantella, stu munno è na rota,
chi saglie 'a sagliuta,
chi sta pe' cadé.

Dice buono 'o mutto antico,
ccà se scontano 'e peccate,
ogge a te, dimane a me.
 
Tarantella, questo mondo è una ruota,
chi sale la salita,
chi sta per cadere.

Dice bene il detto antico,
qua si scontano i peccati,
oggi a te, domani a me.
 
Io, nu poco fatto a vino,
penzo ô mmale e penzo ô bbene,
ma 'sta vocca curallina
cerca 'a mia pe' s' 'a vasà.

Tarantella, si 'o munno è na rota,
pigliammo 'o minuto
che sta pe' passà.
 
Io, un po' ubriaco,
penso al male e penso al bene,
ma questa bocca corallina
cerca la mia per baciarsela.

Tarantella, se il mondo è una ruota,
cogliamo il minuto
che sta per passare.
 
Basta ca ce sta 'o Sole,
…………………………..
 
Basta che c'è il sole,
……………………….
 
Tarantella, 'o cucchiere è n'amico,
nun 'ngarra cchiù 'o vico
addó mm'ha da purtà.

Mo redenno e mo cantanno,
s'è scurdato 'o coprifuoco,
vò' surtanto cammenà.
 
Tarantella, il cocchiere è un amico:
non trova più il vicolo
dove deve portarmi.

Ora ridendo e ora cantando,
ha dimenticato il coprifuoco,
vuole solo camminare.
 
Quanno sta a Santa Lucia,
"Signurì'"
nce dice a nuje
"ccà nce steva 'a casa mia,
só' rimasto surtant'i'".

E chiagnenno, chiagnenno, s'avvìa,
ma po', 'a nustalgìa,
fa priesto a fernì.
 
Quando arriva a Santa Lucia,
"Signori"
dice a noi
"qui c'era casa mia,
sono rimasto solo io".

E piangendo, piangendo, si avvia,
ma poi, la nostalgia,
ben presto finisce.
 
Basta ca ce sta 'o Sole,
…………………………..
Basta che c'è il sole,
……………………….

Un commento su “Simmo ‘e Napule paisà

  1. p.s.
    (*)Così fan tutte di Mozart nell’allestimento andato in scena al Festival dei Due Mondi 2015 con la regia di Giorgio Ferrara e la direzione di James Conlon (Orchestra giovanile Cherubini). Scenografia e costumi di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo. Cast vocale: Francesca Dotto, Ruxandra Donose, Joel Prieto, Rodion Pogossov, Marie Mc Laughlin, Maurizio Muraro. International Opera Choir istruito da Gea Garatti.>>

    DESPINA (Atto II scena 4^)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia