SORA MIA


(Galdieri, E. De Curtis – 1910)


 
Sora mia 'nzerra 'sta porta,
mena 'a chiave a 'o catenaccio.
E a chi spia: "S'è ritirato?"
Tu rispunne : "Io nun 'o ssaccio".
 
Sorella mia chiudi questa porta,
metti la chiave al catenaccio.
E a chi spia: "E' ritornato?"
Tu rispondi: "Io non lo so".
 
Ma si vène na figliola
pe' sapé si sóngo asciuto,
nn'arapì, ma, sottavoce,
dille: "Fràtemo è partuto.
 
Ma se arriva una ragazza
per sapere se sono uscito,
non aprire, ma, sottovoce,
dille: "Mio fratello è partito".
 
S'è 'mbarcato cu nu legno
mercantile, bella né'.
Se n'è ghiuto fore regno
pe' nun sentere cchiù a te".
 
Si è imbarcato con una nave
mercantile, bella nè.
Se ne è andato fuori dal regno
per non sentire più te.
 
Sora mia, sento nu passo
ca s'accosta chianu chiano,
'nfacci'ê llastre d' 'o telaro1
veco 'e stennerse na mano.
 
Sorella mia, sento un passo
che si avvicina piano piano,
sui vetri della finestra1
vedo stendersi una mano.
 
'A vi' lloco, sento 'a voce.
Sora mia, si mme vuó' bene, dille:
"Hê fatto troppo tarde,
se só' sciòvete 'e ccatene.
 
Eccola, sento la voce.
Sorella mia, se mi vuoi bene, dille:
"Hai fatto troppo tardi,
si sono sciolte le catene.
 
S'è 'mbarcato cu nu legno
………………………………
 
Si è imbarcato con una nave
…………………………………
 
Ma tu chiagne? E pecché chiagne?
Pecché a me mme tremma 'a voce?
Sora mia fatte curaggio ca,
pe' me, stu chianto è doce.
 
Ma tu piangi? E perchè piangi?
Perchè mi trema la voce?
Sorella mia fatti coraggio che,
per me, questo pianto è dolce.
 
No io nun parto pecché saccio
che vò' dì ll'ammore 'e sora.
Ma tu 'o ddice sulo a chella,
si venesse, ch'io stó' fore.
 
No io non parto perchè so
che vuol dire l'amore di una sorella.
Ma tu lo dici solo a quella,
se arriva, che io sto fuori.
 
S'è 'mbarcato cu nu legno
………………………………
Si è imbarcato con una nave
…………………………………


1 Finestra con telaio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia