SPATELLA 'ARGIENTO


(Albano, Vento, Moscarella – 1955)


 
Tu mm'hê ditto ca 'int' 'e capille,
ca só' d'ebano, anèlle, anèlle,
porta spisso mo na spatella,
pe' mme pógnere 'o core a me.

'O core a me.
 
Tu mi hai detto che nei capelli,
che sono d'ebano, anelli, anelli,
porta spesso una forcina,
per pungere il cuore a me.

Il cuore a me.
 
A che serve 'sta buscìa?
Sacc'io 'o ppecché.
Sarrà meglio si cagne via,
sarrà meglio pe te e pe'mmé.
 
A cosa serve questa bugia?
So io perchè.
Sarà meglio se cambi strada,
sarà meglio per me e per te.
 
Si ce ll'hê dato tu chella spatella,
fattella riturnà, nun fà cchiù 'o bbello
o, quacche ghiuorno, 'a frennesia mme piglia
e quel gingillo pò servì pe'tté.
Io, perciò, te cunziglio oje ni',
quella donna làssala stà.
"Spatélla 'argiento" vò' bene a me.
"Spatélla 'argiento" nun è femmena pe'tté.
 
Se glie l'hai data tu quella forcina,
fattela ridare, non fare più il bello
e, qualche giorno, la rabbia mi prende
e quel gingillo potrebbe servire per te.
Io, perciò, ti consiglio oh bimbo,
quella donna lasciala stare.
"Forcina d'argento" vuole bene a me.
"Forcina d'argento" non è donna per te.
 
Nun è overo, mm'ha ditto 'a gente,
dint' 'e ricce nun porta niente.
Chella, sulo si 'o vede e 'o sente,
chiagne e prega, penzanno a te.

Penzanno a te.
 
Non è vero, mi ha detto la gente,
tra i ricci non porta niente.
Quella, solo se lo vede e lo sente,
piange e prega pensando a te.

Pensando a te.
 
Si t'è cara 'a casa e 'a vita,
làssala stà.
Anze, porta nu core 'e vuto
â Madonna, pe'tté e pe'mmé.
 
Se ti è cara la casa e la vita,
lasciala stare.
Anzi, porta un cuore come voto
alla Madonna, per te e per me.
 
Si ce ll'hê dato tu chella spatélla,
………………………………………

Spatélla 'argiento, vò' bene a me.
Se glie l'hai data tu quella forcina,
……………………………………….

Forcina d'argento, vuole bene a me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia