STU VINO CHE TE FA


(A. Palomba, L. Bifulco)


 
Stasera certamente mme 'mbriaco
e doppo torno ccà, dint'a stu vico.
Pe' mezzo che mm'hê fatto chellu ppoco,
te sparo 'nfronte e doppo mme ne vaco.
Te faccio, 'mmiez'a ll'uocchie, 'o terzo buco.
 
Stasera sicuramente mi ubriaco
e dopo torno qua, in questo vicolo.
Visto che mi hai fatto tutto questo,
ti sparo in fronte e dopo me ne vado.
Ti faccio, in mezzo agli occhi, il terzo buco.
 
Vino d' 'e llogge,
stóngo cu 'o sango a ll'uocchie e si mm'arraggio,
stasera, pò fernì pure cchiù peggio.

Vino 'e Cafurchio1,
io ca nun sóngo certamente pirchio,
te sparo n'ata palla p' 'o ssupierchio.
 
Vino delle logge,
ho il sangue agli occhi e se mi arrabbio,
stasera, può finire ancora peggio.

Vino di Cafurchio1,
io che non sono certamente avaro,
ti sparo un altra palla per tutto il resto.
 
Ma comme, a st'ommo ccà che t'ha arreccuto,
tu lo "cofecchi" cu nu disperato?
T' 'a 'ntiénne cu nu viecchio tagliaprete
che, a stiento a stiento, tira 'nnanze 'a vita.
T'aggi' 'a sparà, si' 'a primma galiota.
 
Ma come, quest'uomo che ti ha arricchito,
tu lo raggiri con un disperato?
Te la intendi con un vecchio tagliapietre
che, a stento a stento, riesce a vivere.
Ti devo sparare, sei la prima criminale.
 
Vino di scarto,
stasera, 'int'a stu vico stritto e curto,
state sicuri ca nci scappa il morto.

Vino accimmato,
sóngo stato da te troppo traruto
e mo, mme sento un piècuro nel prato.
 
Vino di scarto,
stasera, in questo vicolo stretto e corto,
state sicuri che ci scappa il morto.

Vino fiero,
sono stato da te troppo tradito
e ora, mi sento una pecora nel prato.
 
Mm'aggio fatto tre fiasche d' 'o Tterzigno2
pe' mme 'mbriacà, p'addeventà carogna
e pe' te fà spignà nu bellu pigno.
Ma chestu vino, amabbele e sanguegno,
mm'ha fatto doce comm' 'o ppane 'e Spagna.
 
Mi sono fatto tre fiaschi del Terzigno2
per ubriacarmi, per diventare carogna
e per farti pagare un bel pegno.
Ma questo vino, amabile e sanguigno,
mi ha reso dolce come il pan di Spagna.
 
Vino sincero,
stu vino veramente bello e caro
è stato cacchio 'e mme cagnà 'e penziere.

Vino speciale,
mme só' calmato e alla donnaccia vile,
io certamente nun ce faccio 'o mmale.
 
Vino sincero,
questo vino veramente bello e caro
è stato capace di cambiarmi i pensieri.

Vino speciale,
mi sono calmato e alla donnaccia vile,
io certamente non faccio del male.
 
Lacrema 'e Cristo3.
Ormaje, cu tico, ho fatto punto e basta.
Mo vaco appriesso a sòreta, 'a maesta.
Lacrima di Cristo3.
Ormai, con te, ho messo un punto e basta.
Ora vado dietro a tua sorella, la maestra.


1 Località del comune di Terzigno, dai cui colli viene prodotto il rinomato vino Lacryma Christi. 2 Terzigno è un comune di circa 16000 abitanti della provincia di Napoli, nato nel 1920 dalla divisione di Ottaviano. Il fertile suolo vulcanico rende possibile la coltivazione dell'uva e la produzione del rinomato vino "Lacryma Christi". 3 Il "Lacryma Christi" (Lacrima di Cristo) è il nome del rinomato vino prodotto a Terzingno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia