SUONNE SUNNATE


(Rainone, Capolongo – 1907)


 
Suonne sunnate
p' 'e vvie sulitarie 'e Capemonte.
'Nterra assettate
quanta vase ca ce simmo date 'nfronte.
Che sentimento,
nce pienze cchiù Carmé'? Te vène a mente?
Suonne sunnate
p' 'e vvie sulitarie 'e Capemonte.
 
Sogni sognati
per le vie di Capodimonte.
Seduti per terra
quanti baci ci siamo dati in fronte.
Che passione,
ci pensi più Carmela? Ti ricordi?
Sogni sognati
per le vie solitarie di Capodimonte.
 
Carmela, Carmè',
io che vulesse fà
pe' te vedé turnà,
n'ata vota, addu me.
 
Carmela, Carmela,
io che vorrei fare
per vederti tornare,
un'altra volta, da me.
 
Frónne sfrunnate
da 'e primme viente 'e vierno 'mmiez'ê vvie.
E, scarpesate,
facevano rummore comm'a spie
e te tremmava
'sta mana bella che mm'accarezzava.
Frónne sfrunnate
da 'e primme viente 'e vierno 'mmiez'ê vvie.
 
Fronde spogliate
dai primi venti d'inverno nelle strade.
E, rovinate,
facevano rumore come spie
e ti tremava
questa bella mano che mi accarezzava.
Fronde spogliate
dai primi venti d'inverno nelle strade.
 
Carmela, Carmè,
………………….
 
Carmela, Carmela,
……………………
 
Ammore amato
p' 'e vvie sulitarie 'e Capemonte.
Nce só' turnato
ma pure 'e ppiante mm'hanno letto 'nfronte
ca mm'hê traduto,
ca tutt'ammore nuosto è già fernuto.
Ammore amato
p' 'e vvie sulitarie 'e Capemonte.
 
Amore amato
per le vie solitarie di Capodimonte.
Ci sono tornato
ma anche le piante mi hanno letto in fronte
che mi hai tradito,
che tutto il nostro amore è già finito.
Amore amato
per le vie solitarie di Capodimonte.
 
Carmela, Carmè',
…………………..
Carmela, Carmela,
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia