SUONNO 'E FANTASIA


(Genise, Capolongo – 1907)


 
Ce sta na casarella 'mmiez'ô mare
addó' mme sonno sempe 'e stà cu'tté.
Ce passano, cantanno, 'e marenare
e ll'aria fresca addora comm'a che.
 
C'è una casetta in mezzo al mare
dove sogno sempre di stare con te.
Ci passano, cantando, i marinai
e l'aria fresca profuma come non so che.
 
Dint'a 'sta casarella,
te vularrìa purtà
pe' t'abbraccià,
pe' te vasà,
pe' t'abbraccià,
pe' te vasà.
 
In questa casetta,
ti vorrei portare
per abbracciarti,
per baciarti,
per abbracciarti,
per baciarti.
 
Ma chistu suonno d'oro,
è suonno 'e fantasia,
ca mme turmenta sempe 'a vita mia.

Ce sta na muntagnella tutta verde,
'o sole nasce e more sempe llà.
'Ammore, 'mmiez'ê ffronne, ce se perde,
e i' ce perdesse 'a vita pe' t'amà.
 
Ma questo sogno d'oro,
è un sogno di fantasia,
che tormenta sempre la vita mia.

C'è una collinetta tutta verde,
il sole nasce e muore sempre là.
L'amore, tra le foglie, che si perde,
e io ci perderei la vita per amarti.
 
'Ncopp'a 'sta muntagnella,
te vularrìa purtà,
………………….
 
Su questa collinetta,
ti vorrei portare,
………………….
 
Ce sta nu core ca suspira sempe
e ca nun trova pace maje pe'tté.
Ce stó' piantanno rose 'e tutte tiempe
e sempe spine nàsceno pe'mmé.
 
C'è un cuore che sospira sempre
e che non trova mai pace per te.
Ci sto piantando rose da sempre
e sempre spine nascono per me.
 
'Ncopp'a stu core mio,
te vularrìa fà stà,
………………….
Su questo mio cuore,
ti vorrei far stare,
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia