SUONNO A MARECHIARO


(Fiore, Vian – 1958)


 
E veco 'o stesso mare tale e quale,
'a stessa Luna 'e perla 'mmiez'ô cielo,
ll'eterna fenestella sola sola,
e tanta luce dint' 'a notte blu.
 
E vedo lo stesso mare tale e quale,
la stessa luna di perla in mezzo al cielo,
l'eterna finestrella sola sola,
e tante luci in questa notte blu.
 
Ammore, ammore,
pòrtame, stasera,
'ncopp'a ll'onne chiare
'e Marechiaro.
Dint' 'e vase damme 'a vita.
Tutt' 'a vita mm'hê 'a fà sunnà.
 
Amore, amore,
portami, questa sera,
sulle onde chiare
di Marechiaro.
Con i baci dammi la vita.
Tutta la vita mi devi far sognare.
 
A Marechiaro,
suonno 'e stu core,
a Marechiaro, stasera,
io torno ancora a suspirà.
 
A Marechiaro,
sogno di questo cuore,
a Marechiaro, stasera,
io ritorno ancora a sospirare.
 
E dimme ancora appassiunatamente:
"Te voglio bene tanto, tanto, tanto.
Dint'a stu core mio tengo li ppónte
e sulamente tu mm' 'e ppuó' levà".
 
E dimmi ancora appassionatamente:
"Ti voglio bene tanto, tanto, tanto.
In questo mio cuore ho degli aghi
e solo tu me li puoi togliere".
 
Ammore, ammore,
……………………..

A Marechiaro, famme sunnà.
Amore, amore,
…………………

A Marechiaro, fammi sognare.

Un commento su “Suonno a Marechiaro

  1. Grazie x q
    USTA tuesta traduzioni. Ritengo questa canzone. Una tra le più belle canzoni d,amore in assoluto. L,Alida,a mio avviso,è core ingrato. Le passioni d.amore. …una dolorosa… l,altra un amore condiviso. Entrambe mi cantano nel profondo sono,per me, la Bellezza. Espressa in canzone. Grazie. Andrea Sinicatti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia