SURDATE


(Bovio, Nardella – 1910)


 
'O tenente mm'ha 'ncucciato
cu ll'uocchie 'e chianto e cu 'a chitarra 'mmano,
e mm' ha ditto accussì: "Napulitano,
ccà nun hê 'a fà 'o tenore, hê 'a fà 'o surdato".
 
Il tenente mi ha scoperto
con gli occhi in lacrime e la chitarra in mano,
e mi ha detto così: "Napoletano,
qua non si fa il tenore, devi fare il soldato".
 
Ll'aggio ditto accussì: "Signor tenente,
mannàteme 'mprigione, nun fa niente.
Penzo a 'o paese mio ca sta luntano,
e só' Napulitano
e, si nun canto, i' moro".
 
Gli ho detto così: "Signor Tenente,
mandatemi in prigione, non fa niente.
Penso al mio paese che è lontano,
e sono Napoletano
e, se non canto, io muoio".
 
'O tenente ha suspirato:
"Napule è bella assaje, Napule è bella.
Napulitá', pur' io só' 'nnammurato,
càntala zittu zitto 'a canzuncella".
 
Il tenente ha sospirato:
"Napoli è molto bella, Napoli è bella.
Napoletano, anche io sono innamorato,
cantala in silenzio la canzoncina".
 
Ll'aggiu ditto accussì: "Signor tenente,
cantàte pure vuje ca nun fa niente.
Penzo a 'o paese mio ca sta luntano,
e só' Napulitano
e, si nun canto, i' moro".
 
Gli ho detto così: "Signor tenente,
cantate anche voi che non fa niente.
Penso al mio paese che è lontano,
e sono Napoletano
e, se non canto, io muoio".
 
Trase e luce 'a luna d'oro
pe' fà lucente e d'oro 'a cammarata.
Tutt' 'e cumpagne mieje, dint' 'a nuttata,
chiagnenno 'nziem'a me, cantano a coro.
 
Entra e splende la luna d'oro
per fare splendente e d'oro la camerata.
Tutti i miei compagni, nella nottata,
piangendo insieme a me, cantano in coro.
 
E i' ca dico accussì: "Signor tenente,
jammo a fernì in prigione? Nun fa niente.
Chillo, 'o paese nuosto, sta luntano,
e chi è Napulitano,
o canta, o sonna, o more".
E io che dico così: "Signor tenente,
andiamo a finire in prigione? Non fa niente.
Il nostro paese è lontano
e chi è Napoletano,
o canta, o suona, o muore".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia