T'AGGI' 'A LASSA' MARÌ'


(B. U. Netti, Valente – 1924)


 
Quant'anne só' ca nce vulimmo bene?
Tu nun 'o ssaje e i' manco 'o ssaccio cchiù.
Io saccio sulamente cuntà 'e ppene,
pene ca pe' st'ammore mme daje tu.
 
Quanti anni sono che ci vogliamo bene?
Tu non lo sai e neanche io lo so più.
So solamente contare le pene,
pene che per questo amore mi dai tu.
 
Che t'aggi' 'a dì,
che t'aggi' 'a dì, Marì'?
Chesta nun è canzone
ca io canto pe'tté.
Te voglio bene, sì.
Te voglio bene, sì.
E pe' stu bene, crìdeme,
t'aggi' 'a lassà, Marì'.
 
Che ti devo dire,
che ti devo dire, Maria?
Questa non è una canzone
che io canto per te.
Ti voglio bene, sì.
Ti voglio bene, sì.
E per questo bene, credimi,
ti devo lasciare, Maria.
 
Pe' 'ncatenà stu core… t'arricuorde?
Quanta prumesse ca mm'hê fatto fà.
Doje lacreme cucente, nun mm' 'e scordo,
dint'a chist'uocchie, che sincerità.
 
Per incatenare questo cuore… ti ricordi?
Quante promesse che mi hai fatto fare.
Due lacrime cocenti, non me le dimentico,
in questi occhi, che sincerità.
 
Che t'aggi' 'a dì,
………………….
 
Che ti devo dire,
…………………..
 
Saccio sul'i', pe' te scurdà, stu core
ch'ha da suffrì, pe' stà luntano 'a te.
Ma pure tu ll'hê 'a chiàgnere st'ammore,
quanno mme pierde e cchiù nun truove a me.
 
Solo io so, per dimenticarti, questo cuore
cosa deve soffrire, per stare lontano da te.
Ma anche tu lo devi piangere questo amore,
quando mi perderai non non mi troverai più.
 
Che t'aggi' 'a dì,
………………….
Che ti devo dire,
…………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia