T'E' PIACIUTA


(Capillo, Rendine – 1956)


 
Dopo i confetti,
só' asciute 'e difetti.
Caro Giovanni,
mo che ce vuó' fa?
Se riflettevi,
se bene puntavi,
tutte sti guaje
nun stive a passà.
 
Dopo i confetti,
sono usciti i difetti.
Caro Giovanni,
ora cosa ci vuoi fare?
Se riflettevi,
se bene puntavi,
tutti questi guai
non avresti passato.
 
Mo chiagne e te dispiere
e haje voglia d'alluccà.
Ccà nun ce sta 'o divorzio
e tu te ll'hê 'a zucà.
 
Ora piangi e ti disperi
e hai voglia di gridare:
Qua non c'è il divorzio
e tu la devi sopportare.
 
T'è piaciuta?
T'è piaciuta?
Tienatella cara cara.
T' 'a purtaste sull'altare,
sott' 'o braccio, 'nziem'a te.
Mo te veco afflitto e stanco:
"Sù, coraggio, gué Giuvà'.
Se il mellone è uscito bianco,
tu cu chi t' 'a vuó' piglià?"
 
Ti è piaciuta?
Ti è piaciuta?
Tienila cara cara.
L'hai portata all'altare,
sottobraccio, con te.
Ora ti vedo afflitto e stanco:
"Su coraggio, ué Giovanni.
Se il cocomero è uscito bianco,
ora con chi te la vuoi prendere?"
 
Ma che sei matto?
Non dormi nel letto.
Dint' 'a pultrona
tu dormi perché
dice che 'a notte,
la sposa è più brutta.
Na capa 'e morte
te pare 'e vedé.
 
Ma che sei matto?
Non dormi nel letto!
Sulla poltrona
tu dormi perché
dice che di notte,
la sposa è più brutta.
Un teschio
ti sembra di vedere.
 
'A dote ch'ha purtato,
nemmeno cchiù ce sta.
Te ll'hê pigliata brutta
e niente sape fà.
 
La dote che ha portato,
non c'è nemmeno più.
L' hai scelta brutta
e niente sa fare.
 
T'è piaciuta?
……………..
Ti è piaciuta?
………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia