TAMMURRIATA AMERICANA


(Bovio, Tagliaferri – 1934)


 
Si nun ce vuó' venì cu 'o carruzzino,
te porto a Piererótta in aeroplano.
Quanno scennimmo 'a cielo, 'int' 'o frastuono,
'a vócca, no, te mózzeco na mano.
E affitto, pe' fà sentere 'e ccanzone,
n'orchestra 'e Vascio Puorto, americana.
 
Se non ci vuoi venire in carrozza,
ti porto a Piedigrotta in aeroplano.
Quando scendiamo dal cielo, nel frastuono,
la bocca, no, ti mordo una mano.
E affitto, per far sentire le canzoni,
un'orchestra giù al porto, americana.
 
Tammorre1 e sax,
trummette e benge,
chitarre e gezz.

Na cosa nova,
na cosa fresca
ca tene nomme:
"Mmescafrancesca".

Basta ch'Ammore
ride e se spassa.

Scétate, scétate,
scétate, scétate,
scetavajasse2.
 
Tammorre1 e sax,
trombette e banjo,
chitarre e jazz.

Una cosa nuova,
una cosa fresca
che si chiama:
"Mischiafrancesca".

Basta che Amore
rida e si diverta.

Svegliati, svegliati,
svegliati, svegliati,
scetavajasse2.
 
Te ll'aggi' 'a fà gustà cu 'o ppane 'e Spagna,
'e mmulignane e ll'uva d' 'a vennégna.
Dint' 'a na bella coppa di sciampagna,
te voglio abbeverà d'acqua zuffrégna.
Pe' via d' 'a siluetta tu nun magne
e te ne staje scennènno 'nzógna, 'nzógna.
 
Te la devo far gustare con il pan di Spagna,
le melanzane e l'uva della vendemmia.
In una bella coppa di champagne,
ti voglio far dissetare con acqua sulfurea.
A causa della siluette tu non mangi
e stai addormentando piano piano.
 
Tammórre e sax,
…………………..
 
Tammorre e sax,
…………………..
 
Comm'è sentimentale stu ritorno,
'o cielo è tutto trapuntato 'e perne.
Vàsame 'mmócca, sta schiaranno juorno,
ma simmo 'e pastafrolla o simmo 'e carne?
Pe' nu vasillo, nun se perde 'o scuorno.
E pe' ll'ammore nun se va a ll'inferno.
 
Com'è sentimentale questo ritornello,
il cielo è tutto trapuntato di perle.
Baciami sulla bocca, sta diventando giorno,
ma siamo di pasta frolla o siamo di carne?
Per un bacino, non si perde la vergogna.
E per l'amore non si va all'inferno.
 
Tammórre e sax,
…………………..
Tammorre e sax,
…………………..


1 La tammorra è uno strumento musicale a percussione. È un grosso tamburo a cornice il cui diametro, generalmente, è compreso tra i 35 e i 65 cm. 2 Strumento della musica popolare dell'Italia meridionale, costituito, nella forma più tipica, da due bastoncini di legno, di cui uno liscio e l'altro dentellato, eventualmente con una serie di piattini metallici sul lato opposto alla dentellatura. Lo sfregamento del secondo bastone sul primo (usualmente tenuto con la mano sinistra da un capo e l'altro capo che poggia sulla spalla), provoca il caratteristico suono.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia