TAMMURRIATA ALL'ANTICA


(E. Murolo, E. A. Mario – 1914)


 
Figliole 'e Capemonte,
cu zuóccole e tammórre1,
aunìmmoce e abballammo,
ca è festa e 'o tiempo corre.
 
Ragazze di Capodimonte,
con gli zoccoli e le tammorre1,
uniamoci, balliamo,
perchè è festa e il tempo corre.
 
Ogne ommo cu tre vizie nasce e more,
'o juoco, ll'amicizia e 'o primmo ammore.
Ma, p' 'e maltrattamente ca mme fa,
d' 'o primmo ammore mio mm'aggi' 'a scurdà.

E anduvinate quanno?
E anduvinate quanno?
 
Ogni uomo con tre vizi nasce e muore,
il gioco, l'amicizia e il primo amore.
Ma, per i maltrattamenti che mi fa,
del primo amore mi devo dimenticare.

E indovinate quando?
E indovinate quando?
 
Quanno ll'aucielle canosceno 'o ggrano,
quanno na rosa nasce senza spine
e a Piererotta nun ce só' canzone.
 
Quando gli uccelli conoscono il grano,
quando una rosa nasce senza spine
e a Piedigrotta non ci sono canzoni.
 
Ll'ammore, 'a ccà nu vaso
e 'a llà na rasulata.
Ma po' nu spusalizio
e doppo na figliata.
 
L'amore, di qua un bacio
e di là una rasoiata.
Ma poi un matrimonio
e dopo una nascita.
 
Tre vizie tene 'a 'nnammurata mia,
'e cchiacchiere, 'a tuletta e 'a gelusia.
E pe' 'sta gelusia, nun c'è che fà,
lle voglio bene ma ll'aggi' 'a lassà.

E anduvinate quanno?
E anduvinate quanno?
 
Tre vizi ha la mia fidanzata,
le chiacchiere, il trucco e la gelosia.
E per questa gelosia non c'è niente da fare,
le voglio bene ma la devo lasciare.

E indovinate quando?
E indovinate quando?
 
Quanno Natale capita d'austo,
quanno 'o Vesuvio 'a Napule se sposta
e 'a Grotta Azzurra nun è cchiù celeste.
 
Quando Natale capita in agosto,
quando il Vesuvio si sposta da Napoli
e la Grotta Azzurra non è più celeste.
 
Vintiquatt'ore, 'e core
già sbàttono, abballanno.
Chisà nennélla mia
che spavo sta tiranno.
 
Ventiquattro ore, i cuori
già battono, ballano.
Chissà la mia ragazza
che spago sta tirando.
 
E cu che sfizio se pò fà ll'ammore,
quanno ce só' cuntrarie 'e genitore.
Io, quanno mamma dice: "Ll'hê 'a lassà"
rispongo tomo tomo: "'A lasso, oje mà'".

Ma anduvinate quanno?
Ma anduvinate quanno?
 
E con che voglia si può stare insieme,
quando sono contrari i genitori.
Io, quando mamma dice: "La devi lasciare"
rispondo tranquillo "La lascio, oh mamma".

E indovinate quando?
E indovinate quando?
 
Quanno 'o percuoco nasce senza pizzo,
quanno Maria Sufia torna a palazzo
e 'o Papa esce, pe' Roma, 'int' 'a carrozza.
Quando la pesca nasce senza protuberanza,
quando Maria Sofia torna a palazzo
e il Papa esce, per Roma, in carrozza.


1 La tammorra è uno strumento musicale a percussione. È un grosso tamburo a cornice il cui diametro, generalmente, è compreso tra i 35 e i 65 cm.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia