TAMMURRIATA NERA


(Nicolardi, E. A. Mario – 1944)


 
Io nun capisco, ê vvote, che succede,
e chello ca se vede
nun se crede. Nun se crede.

E' nato nu criaturo niro, niro
e 'a mamma 'o chiamma Giro,

sissignore, 'o chiamma Giro.
 
Io non capisco, a volte cosa succede,
e quello che si vede
non si crede. Non si crede.

E' nato un bambino nero, nero
e la mamma lo chiama Ciro,

sissignore, lo chiama Ciro.
 
Seh! Gira e vota, seh.
Seh! Giara e vota, seh.

Ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuonno,
ca tu 'o chiamme Peppe o Giro,
chillo, 'o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm'a che.
 
Seh! Gira e volta, seh.
Seh! Volta e gira, seh.

Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, come non so che.
 
'O contano 'e cummare chist'affare:
"Sti fate nun sò' rare,
se ne contano a migliara.

A 'e vvote basta sulo na guardata,
e 'a femmena è restata,
sott' 'a botta, 'mpressiunata".
 
Lo raccontano le comari questo fatto:
"Queste cose non sono rare,
se ne contano a migliaia.

A volte basta solo uno sguardo,
e la donna è rimasta,
dalla botta, impressionata".
 
Seh! Na guardata, seh.
Seh! Na 'mpressione, seh.

Va' truvanno mo chi è stato
ch'ha cugliuto buono 'o tiro,
chillo, 'o fatto', è niro, niro,
niro, niro comm'a che.
 
Seh! Uno sguardo, seh.
Seh! Un'impressione, séh.

Vai a sapere ora chi è stato
che ha fatto centro
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, come non so che.
 
Ha ditto 'o parulano:" Embè parlammo,
pecchè, si raggiunammo,
chistu fatto nce 'o spiegammo.

Addò' pastìne 'o ggrano, 'o ggrano cresce,
riesce o nun riesce,
sempe è grano chello ch'esce".
 
Ha detto il contadino: "Ebbene, parliamo,
perché, se ragioniamo,
questo fatto ce lo spieghiamo.

Dove semino il grano, il grano cresce,
va bene o non va bene,
sempre grano è quello che esce".
 
Meh! Dillo â mamma, meh.
Meh! Dillo pure a me.

Ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuonno,
ca tu 'o chiamme Peppe o Giro,
chillo, 'o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm'a che.
Meh! Dillo alla mamma, meh.
Meh! Dillo pure a me.

Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, come non so che.


1 La canzone racconta la Napoli del primissimo dopoguerra, dove non era raro vedere figli di donne napoletane di pelle scura, nate da relazioni più o meno adultere con i militari americani.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia