TARANTELLA SCUGNIZZA


(Bovio, Albano – 1928)


 
Tu si' venuto 'a ll'estero? E io te dico
ch'hê fatto proprio buono a ce venì.
Damme ll'onore 'e cammenà cu mico
si te vuò' divertì.
 
Tu sei venuto all'estero? E io ti dico
che hai fatto proprio bene a venirci.
Dammi l'onore di camminare con me
se ti vuoi divertire.
 
Tu vuò' vedé 'e scugnizze1? 'E malandrine?
'E viche scure addò se chiagne e more?
O vuò' sentì surtanto 'e manduline?
E viene appriesso a me, famme 'o favore.
 
Vuoi vedere gli scugnizzi1? I ladruncoli?
I vicoli dove si piange e si muore?
O vuoi sentire soltanto i mandolini?
E vieni con me, fammi il piacere.
 
E guarda,
chist'è Napule.
Vòtate buono attuorno.
Ccà se fatica sempe, notte e ghiuorno.
E se fatica e canta, sott'a stu cielo bello.

Amico, viene 'a ll'estero?
E lèvate 'o cappiello.
 
E guarda,
questo è Napoli.
Guardati bene attorno.
Qua si lavora sempre, notte e giorno.
E si lavora e canta, sotto a questo cielo bello.

Amico, vieni all'estero?
E togliti il cappello.
 
Ched è, nun parle? Nun te fa piacere
'sta musica ca siente attuorno a te?
Só' tutte quante fábbriche e cantiere,
'e vvuò' venì a vedé?
 
Che c'è, non parli? Non ti fa piacere
questa musica che senti attorno a te?
Sono tutte fabbriche e cantieri,
li vuoi venire a vedere?
 
Só' strade nove, só' palazze nuove
e ògne preta è nu segno 'e passione.
Dincello a chilli llà, quanno te truove,
che sape fà 'o paese d' 'e ccanzone.
 
Sono strade nuove, sono palazzi nuovi
e ogni pietra è un segno di passione.
Diglielo a quelli là, quando hai l'occasione,
cosa sa fare il paese delle canzoni.
 
E guarda,
………….
 
E guarda,
………….
 
Vide sti tre ca pàssano abbracciate?
Chist'erano scugnizze, tutt'e tre.
Guardale buono 'nfaccia. Só' cecate,
e vuó' sapé pecché?
 
Vedi questi tre che passano abbracciati?
Questi erano scugnizzi, tutti e tre.
Guardali bene in faccia. Sono ciechi,
e vuoi sapere perchè?
 
Só' state â guerra, se só' fatte onore,
nce hanno lassate ll'uocchie e só' cuntente.
Mo portano 'a medaglia 'ncopp' 'o core
e, dint' 'o core, na passione ardente.
 
Sono stati in guerra, si sono fatti onore,
ci hanno lasciato gli occhi e sono contenti.
Ora portano la medaglia sul cuore
e, nel cuore, una passione ardente.
 
E guarda,
chisto è Napule.
Popolo cantatore
ca 'o juorno ca va 'nguerra, canta e more.
E 'mpunto 'e morte canta,
canta ca 'o cielo è bello.

Amico, viene 'a ll'estero?
E lèvate 'o cappiello.
E guarda,
questo è Napoli.
Popolo cantatore
che il giorno che va in guerra, canta e muore.
E in punto di morte canta,
canta che il cielo è bello.

Amico, vieni all'estero?
E levati il cappello.
1 Lo scugnizzo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. E' il monello, il ragazzo di strada che gioca e si ritrova insieme agli altri ragazzi per i vicoli della città. Il termine deriva da uno dei giochi che un tempo veniva fatto dagli scugnizzi: 'o strummolo, una trottola di legno legata ad un filo che andava fatta roteare il più velocemente e per più tempo possibile. In dialetto, tutta questa attività prendeva il nome di far "scugnare" la trottola. Ed è proprio da questo verbo che deriva il termine scugnizzo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia