TE LASSO


(Fiore, Lama – 1924)


 
'O ssaccio, nun 'o ddì, t'aggio capito.
Mo ca te so' marito
te cride 'e cumannà.
E vuó' ca, primm' 'e tutto, â casa 'e màmmema
nun aggia cchiù accustà.
Ma i' comme mm'aggi' 'a spartere?
Mammà mme vò' vedé.
E tu, pe' farla chiagnere,
mme vuó' sempe cu'tté.
 
Lo so, non lo dire, ti ho capito.
Ora che ti sono marito
credi di comandare.
E vuoi che, prima di tutto, alla casa di mia mamma
non mi devo più avvicinare.
Ma come mi devo dividere?
Mamma mi vuole vedere.
E tu, per farla piangere,
mi vuoi sempre con te.
 
No.
Cu tutto ca te voglio tantu bene,
cu tutto ca te sento dint' 'e vvéne,
te lasso. Sì, pecché,
si nun rispiétte a mámmema,
tu nun vuó' bene a me.
 
No.
Nonostante ti voglia tanto bene,
nonostante ti senta nelle vene,
ti lascio. Sì, perchè,
se non rispetti mia mamma,
tu non mi vuoi bene.
 
Siénteme buono, nun dà retta â gente,
'o munno è malamente
ognuno vò' vedé.
E chi vène a parlarte male 'e màmmema
nun parla bene 'e te,
ma no, tu nun ll'hê 'a credere
si no mme faje dannà.
Io só' cuntento, accìdeme
ma làssame a mammà.
 
Ascoltami bene, non dare retta alla gente,
il mondo è cattivo,
ognuno vuole vedere.
E chi viene a parlarti male di mia mamma
non parla bene di te,
ma no, tu non gli devi credere
se no mi fai dannare.
Io sono contento, uccidimi
ma lasciami mamma.
 
No.
Cu tutto ca te voglio tantu bene,
cu tutto ca te sento dint' 'e vvéne,
te lasso. Sì, pecché,
dint'a stu core, màmmema
sta scritta primm' 'e te.
 
No.
Nonostante ti voglia tanto bene,
nonostante ti senta nelle vene,
ti lascio. Sì, perchè,
in questo cuore, mia mamma
è scritta prima di te.
 
Nce ll'aggio ditto a mamma: "Ve sbagliate,
ma chi ve ll'ha cuntate
tutte sti 'nfamità?
Chi porta 'o nomme mio, nun è pe' dicere,
è degna d' 'o purtà".
Mammà s'è misa a chiagnere.
Pe' fá cuntento a me
te vò' vedé pe' dicere
ca cerca scusa a te.
 
Glie l'ho detto a mia mamma: "Vi sbagliate,
ma chi ve le ha raccontate
tutte queste malignità.
Chi porta il mio nome, non è per dire,
è degna di portarla".
Mamma si è messa a piangere.
Per farmi contento
ti vuole vedere per dire
che chiede scusa a te.
 
No.
Ca quanno 'a vecchia mia mme benedice
si stóngo 'ncroce pure so' felice.
Si tu vuó' bene a me,
va' cerca scusa a màmmema
e i' cerco scusa a te.
No.
Perchè quando la mia vecchia mi benedice
se sono in croce, sono anche felice.
Se tu mi vuoi bene,
vai a chiedere scussa a mamma
e io chiedo scusa a te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia