TE SI SCURDATA 'E NAPULE


(E. Murolo, Nardella – 1912)


 
Na sera, oje bionda, te purtaje stu mare,
p' 'a primma vota, a Napule, d'està.
Stive cu mico a prora e ll'uocchie chiare,
p' 'o golfo se 'ncantavano
pe' ddó', allummata, accumpareva Napule
e quacche voce se senteva già.
 
Una sera, oh bionda, ti portati questo mare,
per la prima volta, a Napoli, d'estate.
Stavi con me a prora e gli occhi chiari,
per il golfo si incantavano
dove, illuminata, compariva Napoli
e qualche voce già si sentiva.
 
E Ammore, Ammore.
Bionda, capiste, e te capette i' pure
quanno, cu 'e mmane 'mmano,
tu cu 'o Ffrancese e i' cu 'o Nnapulitano,
t'annammuraste 'e Napule,
t'annammuraste 'e me.
 
E Amore, Amore.
Bionda, capisti, e capii anch'io
quando, mano nella mano,
tu col Francese e io col Napoletano,
ti innamorasti di Napoli,
ti innamorasti di me.
 
Rose d' 'o Munasterio 'e San Martino.
Loggia ca 'ncielo fravecata sta,
nuje ce affacciajemo mentre, a matutino,
'e cchiese già sunavano
e nuvole 'e calore se sperdevano,
e se scetava Napule d'està.
 
Rose del Monastero di San Martino.
Loggia che nel cielo è incastonata,
noi ci affacciammo mentre, al mattino,
le chiese già suonavano
e nuvole di calore si disperdevano,
e si svegliava Napoli d'estate.
 
E Ammore, Ammore.
Tremmaje stu core tujo 'ncopp'a stu core.
E quanno, 'a ll'onne chiare,
vediste 'o sole ca spuntava a mare,
tu te vasaste Napule,
tu te vasaste a me.
 
E Amore, Amore.
Tremò questo tuo cuore su questo cuore.
E quando, dalle onde chiare,
vedesti il sole che spuntava in mare,
tu baciasti Napoli,
tu baciasti me.
 
E comme, comme, doppo tant'ammore
tu t'hê pututo 'e Napule scurdà?
Tu, si ê vvote parteva nu vapore,
te ne facive lacreme
'ncopp'a stu core e, quanno te screvevano,
te n'aggio visto lettere 'e straccià.
 
E come, come, dopo tanto amore
tu hai potuto dimenticarti di Napoli?
Tu, se a volte partiva una nave,
ne piangevi lacrime
su questo cuore e, quando ti scrivevano,
te ne ho visto lettere stracciare.
 
E Ammore, Ammore.
Na sera, 'e bello, i' te dicette: "E' overo
ca te ne vaje dimane?"
Tu mme 'nfunniste 'e lacreme sti mmane
e abbandunaste Napule,
abbandunaste a me.
E Amore, Amore.
Una sera, all'improvviso, io ti dissi: "E' vero
che te ne vai domani?"
Tu mi bagnasti di lacrime queste mani
e abbandonasti Napoli,
abbandonasti me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia