TE STO ASPETTANNO


(T. Manlio, Dan Caslar – 1953)


 
Che friddo 'int'a sti ssere 'mmiez'â via.
Vierno mme pare ca nun passa maje.
Che brutta cosa ch'è 'a malincunia
pe' chi vò' bene e s'annammora 'e te.
 
Che freddo che fa in queste sere per strada.
Mi sembra che l'inverno non passi mai.
Che brutta cosa che è la malinconia
per chi vuole bene e si innamora di te.
 
Vita d' 'a vita mia,
te stó' aspettanno,
nun veco ll'ora ca
mme viene 'nzuonno.
Chi sa si vène 'o juorno
ca t'arriénne
e ca mme cade 'mbraccia,
suspiranno.
P' 'o ddoce 'e stu mumento
io stó' campanno,
dimme ca pure tu
mo staje suffrenno
cu'mmé.
Cu'mmé, ca stó' perdenno
'a pace e 'o suonno,
vita d' 'a vita mia,
te stó' aspettanno.
 
Vita della vita mia,
ti sto aspettando,
non vedo l'ora che
mi vieni in sogno.
Chissà se arriva il giorno
che ti arrendi
e che mi cadi tra le braccia,
sospirando.
Per la dolcezza di questo momento
io sto vivendo,
dimmi che anche tu
ora stai soffrendo
con me.
Con me, che sto perdendo
la pace e il sonno,
vita della vita mia,
ti sto aspettando.
 
E comm'è cupo 'o suono 'e 'sta campana.
E comm'è longa 'a strada 'e chi vò' bene.
Si esiste overamente nu destino,
ogge o dimane, cade 'mbracci'a me.
 
E com'è cupo il suono di questa campana.
E com'è lunga la stradi di chi vuole bene.
Se esiste veramente un destino,
oggi o domani, cadrai tra le mie braccia.
 
Vita d' 'a vita mia,
……………………
Vita della vita mia,
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia