TE VOGLIO BENE


(R. Rascel – 1954)


 
Ammore, ammore, ammore,
capricciuso, turmentuso, suspiruso,
tu faje chiagnere e cantà.
 
Amore, amore, amore,
capriccioso, tormentoso, sospiroso,
tu fai piangere e cantare.
 
Ah, ah. Ah, ah.
Però si nun c'è ammore,
sento friddo 'int'a stu core,
ma si tu mme daje calore,
sulo a te voglio cantà.
 
Ah, ah. Ah, ah.
Però se non c'è amore,
sento freddo in questo cuore,
ma se tu mi dai calore,
sole a te voglio cantare.
 
Te voglio bene, tantu tantu bene,
tu si' 'a vita mia,
mm'hê miso 'o ffuoco dint' 'e vvéne
e, dint' 'o core, na malia.
E' na passione suspirosa e doce,
piccerella mia.
E' nu penziero triste e allero,
è na smania 'e te vasà.
 
Ti voglio bene, tanto tanto bene,
tu sei la mia vita,
mi hai messo un fuoco nelle vene
e, nel cuore, una magia.
E' una passione sospirosa e dolce,
piccolina mia.
E' un pensiero triste e allegro,
è una voglia di baciarti.
 
Pure 'o cielo e 'o mare
io te dunasse
e 'sta vita, ammore mio,
si mm' 'a cercasse,
pecché…
 
Anche il cielo e il mare
io ti donerei
e questa vita, amore mio,
se me la chiedessi,
perchè…
 
Te voglio bene, tantu tantu bene,
tu si' 'a vita mia
pe' chistu bene che 'ncatena 'o core
e nun mme fa durmì.
 
Ti voglio bene, tanto tanto bene,
tu sei la mia vita
per questo bene che incatena il cuore
e non mi fa dormire.
 
Vita mia, vita mia,
te voglio bene, tantu tantu bene,
e t' 'o vvulesse dì.
Vita mia, vita mia,
ti voglio bene, tanto tanto bene,
e te lo vorrei dire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia