TE VOGLIO BENE ASSAJE


(Campanella, Sacco – 1839)


 
Pecché quanno me vide
te 'ngrife comm' 'a gatto?
Nenne' che t'aggio fatto
ca no mme puo' vedé?
Io t' 'aggio amato tanto,
si t'amo tu lo saie

Te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.
 
Perché quando mi vedi,
ti innervosisci come un gatto?
Bimba che ti ho fatto,
che non mi puoi più vedere?
Io ti ho amato tanto,
se ti amo tu lo sai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
'Nzomma songh'io lo fauzo?
Appila sié' maesta,
ca ll'arta toja è chesta.
Lo dico 'mmeretà.
Io jastemmà vorrìa
lo juorno ca t'amaje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
 
Insomma sono io il falso?
cerca di rimediare così,
perché la tua specialità è questa
lo dico in verità.
Io vorrei bestemmiare
il giorno che ti amai!

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
La notte tutti dormono,
ma io che vuò' durmire?
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d'ora sonano
a uno, a duje, a tre…

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
 
La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi che dorma?
Pensando alla mia donna,
mi sento venir meno.
I quarti d'ora suonano
a uno, a due, a tre.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
Recordate lo juorno
ca stive a me becino,
e te scorréano, 'nzino,
'e llacreme, accossì.
Deciste a me: "Non chiagnere,
ca tu mio sarraje".

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
 
Ricordati il giorno
che mi stavi vicino,
e ti scorrevano, in grembo,
le lacrime, così.
Mi dicesti: "Non piangere,
che tu sarai mio".

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
Guardame 'nfaccia e vide
comme songo arredutto:
sicco, peliento e brutto,
nennélla mia, pe'tté.
Cusuto a filo duppio
cu'tté me vedrarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
 
Guardami in faccia e guarda
come mi sono ridotto:
magro, smunto e brutto,
ragazza mia, per te.
Cucito con un doppio filo
con te mi vedrai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
Saccio ca nun vuò scennere
la grada quanno è scuro.
Vatténne muro muro,
appòjate 'ncuoll'a me.
Tu, n'ommo comm'a chisto,
addò lo trovarraje?

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
 
So che non vuoi abbassare
la grata quando è buio.
Vai radente il muro,
appoggiati addosso a me.
Tu, un uomo come questo,
dove lo troverai?

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.
 
Quanno sò' fatto cennere,
tanno me chiagnarraje,
tanno addimannarraje:
"Nennillo mio addo' è?"
La fossa mia tu arape
e llà me trovarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.
Quando sarò diventato cenere,
allora mi piangerai
allora domanderai:
"Il mio amore dov'è?!
Aprirai la mia fossa
e là mi troverai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia