TIEMPE BELLE


(Califano, Valente – 1916)


 
Tu mme vuó' fà capì ca si' cuntenta.
I' voglio fà vedé ca só' felice.
Ma 'a verità nisciuno 'e nuje nun dice.
Sti core nuoste avesser' 'a parlà.
 
Tu vuoi farmi capire che sei contenta.
Io voglio far vedere che sono felice.
Ma la verità nessuno di noi non la dice.
Questi nostri cuori dovrebbero parlare.
 
Tiempe belle 'e na vota,
tiempe belle addó' state?
Vuje nce avite lassate,
ma pecché nun turnate?
Tiempe belle 'e na vota,
tiempe belle addó' state?
Vuje ce avite lassate,
pecché nun turnate?
 
Tempi belli di una volta,
tempi belli dove siete?
Voi ci avete lasciato,
ma perché non tornate?
Tempi belli di una volta,
tempi belli dove siete?
Voi ci avete lasciato,
perché non tornate?
 
Mo pe' sfurtuna mia stóngo cu n'ata,
pe' nu capriccio tu cu n'ato staje.
Se sònna chella ca nn' 'a lasso maje
e se lusinga chillo 'mbraccio a te.
 
Ora per mia sfortuna sto con un'altra,
per un capriccio tu stai con un altro.
Quella crede che non la lascerò mai
e quello si illude tra le tue braccia.
 
Tiempe belle 'e na vota,
……………………………
 
Tempi belli di una volta,
…………………………..
 
Nuje pe' vulerce bene simmo nate,
facìmmole cuntente chisti core,
turnammo n'ata vota a chill'ammore
ca, pe' destino, nun ce vò' lassà.
 
Noi siamo nati per volerci bene,
facciamoli contenti questi cuori,
torniamo un'altra volta a quell'amore
che, per destino, non vuole lasciarci.
 
Tiempe belle 'e na vota,
……………………………
Tempi belli di una volta,
…………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia