TIEMPE FELICE


(G. De Curtis, Valente – 1895)


 
Quann'i' mme ne partette, t'allicuorde?
Tu faticave 'mmiez'â terra 'e tato.
Nuje stévamo accussì bell'affiatate,
ma po' mme ne partette, t'allicuorde?
 
Quando io partii, ti ricordi?
Tu lavoravi nella terra di tuo padre.
Noi eravamo così belli affiatati,
ma poi partii, ti ricordi?
 
Ah, che tiempe felice.
Ah, che belli mumente.
Mo mme vènono a mente,
ma nun tòrnano cchiù.
 
Ah, che tempi felici.
Ah, che bei momenti.
Ora mi tornano in mente,
ma non ritornano più.
 
Te si' scurdata 'e 'mmiez'a lu ggranone?
E quanno 'o sole, 'mpierno, mm'abbruciava?
E 'a vócca mia cu 'a toja s'abbagnava.
Te si' scurdata 'e 'mmiez'a lu ggranone?
 
Ti sei dimenticata in mezzo al mais?
E quando il sole, in alto, mi bruciava?
E la tua bocca con la mia si bagnava.
Ti sei dimenticata in mezzo al mais?
 
Ah, che tiempe felice.
…………………………
 
Ah, che tempi felici.
………………………
 
E mo ca só' turnato, core mio,
mé', viene a la fatica â terra 'e tato.
Pruvammo n'ata vota a stà affiatate,
scuntàmmoce 'o pperduto, core mio.
 
E ora che sono tornato, cuore mia,
dai, vieni a lavorare nella terra di tuo padre.
Proviamo un'altra volta queste complicità,
recuperiamo quello che abbiamo perso, cuore mio.
 
Ah, che tiempe felice.
…………………………
Ah, che tempi felici.
………………………

Un commento su “Tiempe felice

  1. come si può trovare lo spartito di questo canto? mi servirebbe per un progetto con la scuola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia