TIRITI' – TIRITOMMOLA'


(Di Giacomo, Valente – 1890)


 
'Sta cantina è bella e bona
ma è cchiù meglio la patrona.
La patrona tene na…
E tiritì – tiritommolà.

Tene n'aria 'e na riggina,
na manélla janca e fina
li periétte pe' sciacquà.
E tiritì – tiritommolà.
 
Questa cantina è bella e buona
ma è molto meglio la padrona.
La padrona ha una…
E tiritì – tiritommolà.

Ha l'aria di una regina,
una manina bianca e aggraziata
per sciacquare i bicchieri.
E tiritì – tiritommolà.
 
Tiritàppete e pane grattato,
cantenè', só' caduto malato.
Ce vulesse, pe' farme sanà…
E tiritì – tiritommolà.

Ce vulesse, 'e 'sta vucchella,
na parola aggraziatella.
Na parola mo che fa?
E tiritì – tiritómmolà.
 
Tiritàppete e pane grattato,
cantiniera, mi sono ammalato.
Ci vorrebbe, per farmi guarire…
E tiritì – tiritommolà.

Ci verrebbe, da questa boccucia
una parola aggraziata.
una parola ora cosa fa?
E tiritì – tiritommolà.
 
E che fa si doppo a chesto,
chianu chiano, vène 'o riesto?
Vène 'o riesto, e che sarrà?
E tiritì – tiritommolà.

Tiritàppete e pane grattato,
cantenè', só caduto malato.
Vuje tenite pe' farme sanà…
E tiritì – tiritommolà.
 
E cosa fa se dopo questo,
piano piano, arriva il resto?
Arriva il resto, e che sarà?
E tiritì – tiritommolà.

Tiritàppete e pane grattato,
cantiniera, mi sono ammalato.
Voi avete per farmi guarire…
E tiritì – tiritommolà.
 
Vuje tenite, 'int' 'a cantina,
quacche bona 'mmedecina.
Nèh, 'a putesseme assaggià?
E tiritì – tiritommolà.

Ll'ha assaggiata 'o sposo vuosto
ca mo sta gagliardo e tuosto
e fa 'mmidia e no pietà.
E tiritì – tiritommolà.
 
Voi avete, nella cantina,
qualche buona medicina.
Neh, la potremmo assaggiare?
E tiritì – tiritommolà.

L'ha assaggiato il vostro sposo
che ora è gagliardo e fiero
e fa invidia, non pietà.
E tiritì – tiritommolà.
 
Tiritàppete e pane grattato,
isso stesso mme ll'ha cunzigliato.
Premmettete? Patrone, cumpà.
E tiritì – tiritommolà.

E pur'io, ch'ero cchiù sicco
d' 'o llignammo 'e nu palicco,
mo, mme pòzzo cuntentà.
E tiritì – tiritommolà.
 
Tiritàppete e pane grattato
lui stesso me l'ha consigliato.
Permettete? PAdrone, amico.
E tiritì – tiritommolà.

E anche io, che ero più magro
del legno di uno stuzzicadenti,
ora, mi posso accontentare.
E tiritì – tiritommolà.
 
Stu remmedio overo è santo
e i' mme sento n'atu ttanto.
Chesta è 'a vera carità.
E tiritì – tiritommolà.

Tiritàppete e pane grattato,
cantenè', mme só' quase sanato.
N'atu mese 'sta cura aggi' 'a fà.
E tiritì – tiritommolà.
Questo rimedio davvero è santo
e io mi sento un altro.
Questa è la vera carità.
E tiritì – tiritommolà.

Tiritàppete e pane grattato,
cantiniera, sono quasi guarito.
Per un altro mese devo fare questa cura.
E tiritì – tiritommolà.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia