TITITI' – TITITI' – TITITI'


(Pisano, Cioffi – 1935)


 
Sóngo 'mpazzuto, sóngo 'mpazzuto,
sóngo 'mpazzuto 'e te.
Sóngo fissato, sóngo fissato,
sóngo fissato 'e te.
Ch'aggi' 'a fà, ch'aggi' 'a fà,
ch'aggi' 'a fà?
Ch'aggi' 'a fà, ch'aggi' 'a fà,
ch'aggi' 'a fà?
Eh, Eh.
 
Sono impazzito, sono impazzito,
sono pazzo di te.
Sono fissato, sono fissato,
sono fissato con te.
Che devo fare, che devo fare,
che devo fare?
Che devo fare, che devo fare,
che devo fare?
Eh, Eh.
 
Aggio perduto 'a pace
pe' st'uocchie blummaré,
stóngo perdenno 'a famme
pe' st'uocchie blummaré,
nel petto ci ho una fiamma
pe' st'uocchie blummaré.
Che ne vulite,
che ne vulite,
che ne vulite 'a me?
 
Ho perso la pace
per questi occhi blu,
sto perdendo la fame
per questi occhi blu,
nel petto ho una fiamma
per questi occhi blu.
Che volete,
che volete,
che volete da me?
 
Ve veco, ve guardo, mm'addormo,
ve sonno, mme sceto, mme torno a addurmì.
Dint' 'o suonno ve chiammo: "Titì'".
Dint' 'o suonno ve chiammo: "Titì".
Mme sveglio, mme lavo, mm'affaccio,
po' 'nzèrro 'a fenesta e mme torno a addurmì
e, durmenno, ve chiammo: "Titì'".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Vi vedo, vi guardo, mi addormento,
vi sogno, mi sveglio, torno a dormire.
Nel sonno vi chiamo: "Titì".
Nel sonno vi chiamo: "Titì".
Mi sveglio, mi lavo, mi affaccio,
poi chiudo la finestra e torno a dormire
e, dormendo, vi chiamo: "Titì".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Sóngo 'mpazzuto, sóngo 'mpazzuto,
………………………………………….
 
Sono impazzito, sono impazzito,
…………………………………….
 
E me ne faccio chianto
pe' st'uocchie blummaré,
sei fazzoletti ô juorno
pe' st'uocchie blummaré,
aggio perduto 'o scuorno
pe' st'uocchie blummaré.
Che ne vulite,
che ne vulite,
che ne vulite 'a me?
 
E ne faccio di pianti
per questi occhi blu,
sei fazzoletti al giorno
per questi occhi blu,
ho perso la vergogna
per questi occhi blu.
Che volete,
che volete,
che volete da me?
 
N'amico mme trova, mme ferma, mme dice:
"Che faje? Staje buono Ciccì'?"
Io rispongo: "Stó' buono Titì'".
Io rispongo: "Stó' buono Titì'".
Ll'amico mme guarda, mme dice: "Sei pazzo
sfrenato?" "Só' pazzo, 'gnorsì,
scusa tanto, ho sbagliato Titì'".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Un amico mi trova, mi ferma, mi dice:
"Che fai? Stai bene Ciccì?"
Io rispondo: "Sto bene Titì".
Io rispondo: "Sto bene Titì".
L'amico mi guarda, mi dice: "Sei pazzo
sfrenato?" "Sono pazzo, signorsì,
scusa tanto, ho sbagliato Titì".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Sóngo 'mpazzuto, sóngo 'mpazzuto,
………………………………………….
 
Sono impazzito, sono impazzito,
…………………………………….
 
Mm'aggio 'mpignato ll'uocchie
pe' st'uocchie blummaré,
só' ghiuto 'mmiez'â via
pe' st'uocchie blummaré,
io vaco â pazzaría
pe' st'uocchie blummaré.
Che ne vulite,
che ne vulite,
che ne vulite 'a me?
 
Ho impegnato gli occhi
per questi occhi blu,
sono finito in mezza alla strada
per questi occhi blu,
divento pazzo
per questi occhi blu.
Che volete,
Che volete,
che volete da me?
 
P' 'a strada cammino, mme fisso,
mm'acalo, mm'aizo, mme metto a fuì.
Po' mme fermo e sospiro: "Titì'",
po' mme fermo e sospiro: "Titì'".
Na guardia s'accosta e mme dice:
"Scusate, chi siete?" "Chi sóngo? Sóngh'í'!"
"Ma chi siete?" "Só' chillo 'e Titì'".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Per la strada cammino, mi fisso,
mi abbasso, mi alzo, mi metto a scappare.
Poi mi fermo e sospiro: "Titì".
Poi mi fermo e sospiro: "Titì".
Una guardia si avvicina e mi dice:
"Scusate, chi siete?" "Chi sono? Sono io!"
"Ma chi siete?" "Sono quello di Titì".
Tititì', Tititì', Tititì'.
 
Sóngo 'mpazzuto,
sóngo 'mpazzuto,
sóngo 'mpazzuto 'e te.
Sono impazzito,
sono impazzito,
sono impazzito per te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia