TORNA A SURRIENTO


(E. De Curtis, G. De Curtis – 1904)


 
Vide 'o mare quant'è bello,
spira tanta sentimento.
Comme tu, a chi tiene mente,
ca, scetato, 'o faje sunnà.

Guarda, guà', chisti ciardine,
siente, sié', sti sciure 'arancio,
nu prufumo accussì fino
dint' 'o core se ne va.
 
Guarda il mare come è bello,
ispira tanta passione.
Come te, chi guardi,
sveglio, lo fai sognare.

Guarda, guarda questi giardini,
senti, senti, questi fiori d'arancio,
un profumo così raffinato
nel cuore se ne va.
 
E tu dice: "Io parto, addio".
T'alluntane da stu core.
Da la terra de ll'ammore,
tiene 'o core 'e nun turnà?
Ma nun mme lassà,
nun darme stu turmiento.
Torna a Surriento,
famme campà.
 
E tu dici: "Io parto, addio".
Ti allontani da questo cuore.
Dalla terra dell' amore,
hai il coraggio di non tornare?
Ma non lasciarmi,
non darmi questo tormento.
Torna a Sorrento,
fammi vivere.
 
Vide 'o mare de Surriento,
che tesore tene 'nfunno.
Chi ha girato tutt' 'o munno,
nun ll'ha visto comm'a ccà.

Guarda, attuorno, sti Ssirene
ca te guardano 'ncantate
e te vònno tantu bene,
te vulessero vasà.
 
Guarda il mare di Sorrento,
che tesori ha sul fondo.
Chi ha girato tutto il mondo
non l' ha visto come qua.

Guarda, intorno, queste Sirene
che ti guardano incantate
e ti vogliono tanto bene,
ti vorrebbero baciare.
 
E tu dice: "Io parto, addio".
………………………………..
E tu dici: "Io parto, addio".
……………………………….


Questa canzone, nonostante il testo possa suggerire u’altra interpretazione, è dedicata ad un uomo. Nel Settembre del 1902 il Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli si trovava in visita a Sorrento e alloggiò nello stesso albergo in cui si trovava anche Giambattista De Curtis (presumibilmente il Grand Hotel del commendator Guglielmo Tramontano). La Sorrento del tempo versava in condizioni critiche: strade sconnesse, case diroccate, servizi inesistenti. Così, per attirare l’attenzione del presidente Zanardelli e per fargli avere a cuore la questione, i fratelli De Curtis gli dedicarono questa canzone, in modo da esortarlo a fare qualcosa e a ritornare al più presto per valorizzare e godersi le bellezze di Sorrento.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia