TRE FENESTE


(Pisano, Cioffi – 1936)


 
Tre aucielle, tre cajole,
tre feneste, tre figlióle
ca só' belle comm' 'o sole.
Tre chitarre 'nnammurate
fanno 'e stesse serenate
tutt' 'e ssere a sti ffigliole,
ca só' belle comm' 'o sole.
S'affaccia 'a biundulella e dice: "Sì".
S'affaccia 'a brunettella e dice: "Sì".
Ma 'a rossa malupina,
niente, nun ne vò' sapé.
E pe' chesto, na chitarra
soffre e chiagne comm'a che.
 
Tre uccelli, tre gabbie,
tre finestre, tre figliole
che sono belle come il sole.
Tre chitarre innamorate
fanno le stesse serenate
tutte le sere a queste figliole,
che sono belle come il sole.
Si affaccia la biondina e dice: "Sì".
Si affaccia la brunetta e dice :"Sì".
Ma la rossa malpelo,
niente, non ne vuole sapere.
E per questo, una chitarra
soffre e piange come non so che.
 
Tre aucielle, tre cajole,
tre feneste, tre figliole
só' rimaste sole sole.
Só' partute pe' surdate
tre chitarre 'nnammurate.
E pe' chesto, sti ffigliole
só' rimaste sole sole.
E penza 'a biundulella: "Turnarrà?"
E dice 'a brunettella: "Turnarrà?"
Cu na lacrema 'int'a ll'uocchie
pure 'a rossa dice: "Embè,
si ritorna pure chillo,
mme ll'astrégno 'mpiett'a me".
 
Tre uccelli, tre gabbie,
tre finestre, tre figliole
sono rimaste solo sole.
Sono partite per la leva
tre chitarre innamorate.
E per questo, queste figliole
sono rimaste sole sole.
E pensa la biondina: "Tornerà?"
E dice la brunetta: "Tornerà?"
Con una lacrima agli occhi
anche la rossa dice: "Embè,
se torna anche quello,
me lo stringo al petto".
 
Tre medaglie, tre surdate.
Tutt'allère só' turnate
sti cchitarre 'nnammurate.
Tre vestite bianche 'e spose,
tre faccelle comm' 'e rrose.
Sott' 'o vraccio 'e sti surdate,
dint' 'a cchiesa, só' spusate.
Apprimma 'a biundulella ha ditto: "Sì".
E doppo 'a brunettella ha ditto: "Sì".
Pure 'a rossa malupina,
forte forte, ha ditto: "Sì,
tant'onore, só' felice,
'mbracci'a te voglio murì".
Tre medaglie, tre soldati.
Tutti allegre sono tornate
queste chitarre sono tornate.
Tre vestiti bianchi da sposa,
tre visini come le rose.
Sotto braccio a questi soldati,
in chiesa, si sono sposate.
Prima la biondina ha detto: "Sì".
E dopo anche la brunetta ha detto: "Sì".
Anche la rossa malpelo,
forte forte, ha detto: "Sì,
che onore, sono felice,
tra le tue braccia voglio morire".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia