TRE RUNDINELLE


(Bixio, Nisa – 1954)


 
Tre rundinelle napulitane,
làssano 'o cielo azzurro 'e 'sta città.
Dìceno: "E' vierno, jammo luntano,
ma 'a primmavera nosta è sempe ccà".

"Addó' vaje, cumpagna mia?"
"Addó' vaco? 'O vvuó' sapé?
 
Tre rondinelle napoletane,
lasciano il cielo azzurro di questa città.
Dicono: "E' inverno, andiamo lontano,
ma la nostra primavera è sempre qua".

"Dove vai compagna mia?"
"Dove vado? Lo vuoi sapere?
 
Io vaco a purtà 'o suono 'e na chitarra
a chi, partenno, se vasaje 'sta terra,
a chi fatica abbascio a na miniera
e sonna sempe Napule, ogne sera".
 
Io vado a portare il suono di una chitarra
a chi, partendo, baciò questa terra,
a chi lavora in fondo ad una miniera
e sogna sempre Napoli, ogni sera".
 
"Vola e va',
vola e va'.
Pòrtale tutt' 'e suone,
càntale tutt' 'e suone 'e 'sta città".
 
"Vola e vai,
vola e vai.
Portagli tutti i suoni,
portagli tutti i suoni di questa città".
 
Dice 'a siconda: "Mme tremma 'o core,
pe' miglie e miglie, sola aggi' 'a vulà.
Ma pe' 'sta vota, senza dulore,
io voglio lassà 'o mare 'e 'sta città".

"Chi t'aspetta cumpagna mia?"
"Chi mm'aspetta? 'O vvuó' sapé?
 
Dice la seconda: "Mi trema il cuore,
per miglia e miglia, sola devo volare.
Ma per questa volta, senza dolore,
io voglio lasciare il mare di questa città".

"Chi ti aspetta compagna mia?"
"Chi mi aspetta? Lo vuoi sapere?
 
Io vaco a purtà 'e vierze 'e na canzone
a nu surdato ca vò' tantu bene,
vò' tantu bene e more 'e nustalgìa
penzanno sempe a Napule e a Maria".
 
Io vado a portare i versi di una canzone
ad un soldato che vuole tanto vene,
vuole tanto bene e muore di nostalgia
pensando sempre a Napoli e a Maria".
 
"Vola e va',
vola e va'.
Pòrtale tutt' 'e vierze,
pòrtale tutt' 'e vierze 'e 'sta città".
 
"Vola e vai,
vola e vai.
Portagli tutti i versi,
portagli tutti i versi di questa città".
 
Cu 'e scelle aperte, cu ll'uocchie 'e chianto,
'a terza rundinella se ne va.
Suspira Napule comm'a n'amante
dicenno: "Rundiné', nun mme lassà".

"Turnarraje, cumpagna mia?"
"Turnarraggio? Chi 'o ppò sapé?
 
Con le ali aperte, con gli occhi di pianto,
la terza rondinella se ne ca.
Sospira Napoli come un amante
dicendo: "Rondinella, non mi lasciare".

"Tornerai, compagna mia?"
"Tornerò? Chi lo può sapere?
 
Io vaco a purtà 'o sole 'e Marechiare
addó' ce sta nu cielo scuro scuro.
Io vaco addó' nun cresce maje nu sciore,
io vaco a purtà 'o sole addó' se more".
 
Io vado a portare il sole di Marechiaro
dove c'è un cielo scuro scuro.
Io vado dove non cresce mai un fiore,
io vado a portare il sole dove si muore".
 
"Vola e va',
vola e va'.
Pòrtale tutt' 'o Sole,
pòrtale tutt' 'o Sole 'e 'sta città".

Tre rundinelle napulitane.
Tre rundinelle nun só' turnate cchiù.
"Vola e vai,
vola e vai.
Portale tutto il sole,
portale tutto il sole di questa città".

Tre rondinelle napoletane.
Tre rondinelle non sono tornate più.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia