TU CA NUN CHIAGNE


(Bovio, E. De Curtis – 1915)


 
Comm'è bella 'a muntagna stanotte,
bella accussì, nun ll'aggio vista maje.
N'ànema pare, rassignata e stanca,
sott' 'a cuperta 'e chesta luna janca.
 
Com'è bella la montagna stanotte,
bella così, non l'ho vista mai.
Sembra un'anima, rassegnata e stanca,
sotto la coperta di questa luna bianca.
 
Tu ca nun chiagne e chiàgnere mme faje,
tu, stanotte, addó' staje?
Voglio a te.
Voglio a te.
Chist'uocchie te vonno,
n'ata vota, vedé.
 
Tu che non piangi e piangere mi fai,
tu, stanotte, dove sei?
Voglio te.
Voglio te.
Questi occhi ti vogliono,
un'altra volta, vedere.
 
Comm'è calma 'a muntagna stanotte,
cchiù calma 'e mo, nun ll'aggio vista maje.
E tutto dorme, tutto dorme o more,
e i' sulo veglio, pecché veglia Ammore.
 
Com'è bella la montagna stanotte,
bella così, non l'ho vista mai.
E tutto dorme, tutto dorme e muore,
e io solo veglio, perchè veglia Amore.
 
Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó' staje?
Voglio a te.
Voglio a te.
Chist'uocchie te vonno,
n'ata vota, vedé.
Tu che non piangi e piangere mi fai,
tu, stanotte, dove sei?
Voglio te.
Voglio te.
Questi occhi ti vogliono,
un'altra volta, vedere.

Un commento su “Tu ca nun chiagne

  1. La canzone é semplicemente fenomenale, bellissima. Tutti i cantanti la cantano bene, pero
    a me quello che mi piace di piú é il tenore Coeano KIM YOUNG.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia