TU NUN ME VUO' CCHIU' BENE


(Di Giacomo, Falvo – 1913)


 
T'aggio visto dint'a st'uocchie belle,
verde comm' 'o mare, na smania passá.
Nun dì no.
T'aggio ditto: "Ma pecché nun parle?"
E male si' rummasa, cchiù zitta Carmè',
comm'a mo.
E accussí, mme sô' addunato
ca nu' cchiù a me, ma pienze a n'ato.
 
Ho visto in questi occhi belli,
verdi come il mare, passare una voglia.
Non dire di no.
Ti ho detto: "Ma perchè non parli?"
E ci sei rimasta male, più zitta Carmela,
come ora.
E così, mi sono accorto
che non più a me, ma pensi a un altro.
 
Carmè', Carmè.
Tu nun mme vuó' cchiù bene,
tu nun mme cure cchiù.
 
Carmela, Carmela.
Tu non mi vuoi più bene,
tu non ti interessi più a me.
 
'Sta manella
abbandunata e fredda,
chella ca, na vota, tremmava, nun è.
Nun dí no.
'Sta vucchella,
ca redeva sempe,
nn'aggio vista maje 'nzerrata restà
comm'a mo.
E accussì mme sô' addunato
ca nu' cchiù a me, ma pienze a n'ato.
 
Questa manina
abbandonata e fredda,
non è quella che, una volta, tremava.
Non dire di no.
Questa boccuccia,
che rideva sempre,
non l'ho mai vista rimanere chiusa
come ora.
E così, mi sono accorto
che non più a me, ma pensi a un altro.
 
Carmé', Carmé'.
…………………
 
Carmela, Carmela.
……………………
 
Sissignore,
è scritto e destinato
ca 'a fine 'e ll'ammore
pure ha da venì.
Nun dí no.
Ma che strazio quanno se ne more
stu povero ammore
e che fine ca fa,
comm'a mo.
Ma si 'a mo nun pienze a n'ato
che fa, che fa? Tu mm'hê lassato.
 
Sissignore,
è scritto e destinato
che la fine dell'amore
deve anche arrivare.
Non dire di no.
Ma che strazio quando muore
questo povero amore
e che fine che fa,
come ora.
Ma se ora non pensi a un altro
cosa cambia, cosa cambia? Tu mi hai lasciato.
 
Carmè', Carmé'.
…………………
Carmela, Carmela.
……………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia