TU SI' CHELLA


(P. De Filippo – 1966)


 
Tu si' chella ca dicive:
"Nun te pòzzo maje scurdà".
Tu si' chella ca facive
giuramente in quantità.
 
Tu sei quella che diceva:
"Non ti potrò mai dimenticare".
Tu sei quella che faceva
giuramenti in quantità.
 
Mo cunosco, nénna bella,
comm' 'a pienze e chi si' tu.
Saccio buono ca si' chella
che avvelena 'a giuventù.
 
Ora so, ragazza bella,
come la pensi e chi sei tu.
So bene che sei quella
che avvelena la giovinezza.
 
Staje cu n'ato ca se crede
tutto chello ca lle dice.
'O faje credere felice
fino a quanno piace a te.
 
Stai con un altro che crede
a tutto quello che gli dici.
Lo fai credere felice
fino a quando vuoi tu.
 
Pe' capriccio? Pe' gulío?
Pe' cercà, cercà, chi sa?
E, giuranno ammore e bene,
saje dà gioje e saje dà pene.
 
Per capriccio? Per voglia?
Per cercare, cercare, chi sa?
E, giurando amore e bene,
sai dare gioie e sai dare pene.
 
Nun te saccio dì manch'io,
si pe' sfizio o 'nfamità.
 
Non ti so dire neanche io,
se per sfizio o infamia.
 
Nun te saccio dì manch'io,
si è pe' sfizio, o 'nfamità.
Non ti so dire neanche io,
se per sfizio o infamia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia