TUPPE – TUPPE MARISCIÀ'


(De Mura, Gigante, Aracri - 1958)


 
Nisciuno cchiù fatica a stu paese,
songo arze 'e tterre, 'e ppiante só' seccate.
'A gente nun ragiona, è giá nu mese.
'Sta cosa nun pò ghì,
no, nun pò ghì, no,
e si nisciuno parla, mo parl'i'.
 
Non lavora più nessuno in questo paese,
le terre sono arse, le piante sono seccate.
La gente non ragiona, è già un mese.
Questa cosa non può andare,
no, non può andare, no,
e se nessuno parla, ora parlo io.
 
Tuppe-tuppe mariscià',
arapite, sò' n'amico.
Mo ve conto, mo ve dico
pecché só' venuto ccà.
Tuppe-tuppe mariscià',
arapite mariscià.
 
Toc-toc maresciallo,
aprite, sono un amico.
Ora vi racconto, ora vi dico
perchè sono venuto qua.
Toc-toc maresciallo,
aprite maresciallo.
 
'A sapite a Carmilina
ca sta 'e casa 'ncopp' 'a scesa?
E' na mala chiappa 'e 'mpesa,
vuje ll'avit' 'a fá arrestà.
Mo ve dico mariscià',
mo ve conto marisciá'.
 
La conoscete Carmelina
che abita sulla discesa?
E' una poco di buono,
voi dovete farla arrestare.
Ora vi dico maresciallo,
ora vi racconto maresciallo.
 
Nisciun'ommo 'e stu paese
da Carmela s'è salvato.
Ogneduno è affatturato
pe' nu vaso ch'essa dà.
Jammo, ja', mariscià'.
 
Nessun uomo di questo paese
da Carmela si è salvato.
Ognuno è stregato
per un bacio che lei dà.
Andiamo, dai, maresciallo.
 
Pe' capriccio e no p'ammore,
cu nu vaso 'e fuoco ardente,
avvelena a tanta gente.
Nun 'e fà cchiù ragggiunà.
E na legge nun ce sta?
Pruvvedite mariscià'.
 
Per capriccio e non per amore,
con un bacio di fuoco ardente,
avvelena tanta gente.
Non li fa più ragionare.
E una legge non c'è?
Provvedete maresciallo.
 
'Ntuono 'e Cuncetta, Mineco, Pascale,
Vicienzo, Ciro, só' arredutte mieze.
'O farmacista e 'a giunta comunale,
nun sanno cchiù parlà,
no, cchiù parlà, no,
che guajo pe' stu paese mariscià'.
 
Antonio di Concetta, Mineco, Pasquale,
Vincenzo, Ciro, sono mezzi arresi.
Il farmacista e la giunta comunale,
non sanno più parlare,
no, più parlare, no,
che guaio per questo paese maresciallo.
 
Tuppe-tuppe mariscià',
………………………….
 
Toc-toc maresciallo,
………………………
 
Marisciá' vuje nun parlate?
Ma pecché nun rispunnite?
Mariscià', che ve sentite?
Nun 'ngarrate cchiù a parlà?
Pure vuje v'ît' 'a curà.
 
Maresciallo non parlate?
Ma perchè non rispondete?
Maresciallo, cosa vi sentite?
Non riuscite più a parlare?
Anche voi vi dovete far curare.
 
Bonanotte, mariscià'. Buonanotte, maresciallo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia