TUTTA PE'MME'


(Fiore, Lama – 1930)


 
Pe' dint'a ll'ombra va stu core
ca nun pò durmì
e canta e chiagne: "Ammore, Ammore,
tu mme faje murì".
Ma si tu siente 'sta voce 'e tremmà,
no, nun mme credere,
nun t'affaccià.
 
Nell'ombra va questo cuore
che non può dormire
e canta e piange: "Amore, Amore,
tu mi fai morire".
Ma se tu senti ancora tremare questa voce,
no, non mi credere,
non ti affacciare.
 
Io mo nun canto pe'tté,
canto pe' n'ata.
No, nun te voglio vedé
comm'a na vota.
Tu nun si' niente pe'mmé,
niente pe'mmé.
Nun saccio cchiù
che nomme tiene tu,
Marì'.
 
Io non canto per te,
canto per un'altra.
No, non ti voglio vedere
come una volta.
Tu non sei niente per me,
niente per me.
Non so più
che nome hai tu,
Maria.
 
Nu raggio 'e sole vò' stu core
ca nun vò' suffrì.
N'aria serena vò' st'ammore
ca nun vò' murì.
St'aria serena e stu sole si' tu,
nun mme fà perdere
'sta giuventù.
 
Un raggio di sole vuole questo cuore
che non vuole soffrire.
Un'aria serena vuole questo amore
che non vuole morire.
Quest'aria serena e questo sole sei tu,
non farmi perdere
questa giovinezza.
 
'Sta luna 'argiento,
pe'tté,
suspira ancora.
Cchiù luce, 'ncielo, pe'mmé,
na stella d'oro.
I' campo e moro pe'tté,
moro pe'tté.
Te voglio bene, sì,
surtanto a te,
Marì'.
 
Questa luna d'argento,
per te,
sospira ancora.
Più luce, in cielo, per me,
una stella d'oro.
Io vivo e muoio per te,
muoio per te.
Ti voglio bene, sì,
solo a te,
Maria.
 
Te voglio tutta pe'mmé.
Tutta pe'mmé.
Te voglio bene, sì,
surtanto a te,
Marì'.
Ti voglio tutta per me.
Tutta per me.
Ti voglio bene, sì,
solo a te,
Maria.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia