TUTT' 'E NA MANERA


(Califano, Buongiovanni – 1913)


 
V'aggio vuluto bene e mme ne pento.
Mo v'aggio abbandunata, e mme n'avanto.
Stó' amariggiato ma stó' cchiù cuntento
e allèra è 'sta canzone ca ve canto.
Povero a me si nun mme stevo attiento
mm'avísseve mannato a 'o campusanto.
 
Vi ho voluto bene e me ne pento.
Ora vi ho abbandonata, e me ne vanto.
Sono amareggiato, ma sono più contento
e allegra è questa canzone che vi canto.
Povero me se non fossi stato attento
mi avresti mandato al cimitero.
 
Frunnélle amare,
'e ffemmene só' tutte 'e na manera
e chillu figlio 'e mamma ca nce care
o more o esce pazzo o va 'ngalera.
 
Foglioline amare,
le donne sono tutte uguali
e quel figlio di mamma che ci cade
o muore o impazzisce o va in galera.
 
Saccio ca mme facite 'a 'ndifferente
pecché state spennanno a nu mercante.
Mannàtelo cchiù ampresso a 'o fallimento
ca 'mmano a vuje fallimmo tuttuquante.
Sti scherze, mo nce vò', pe vuje só' niente,
'ngannate 'o calannario e tutt' 'e sante.
 
So che fate l'indifferente
perchè state spennando un mercante.
Mandatelo al più presto in fallimento
che in mano a voi falliamo tutti.
Questi scherzi, ora ci vuole, per voi sono niente,
ingannate il calendario e tutti i santi.
 
Frunnélle amare,
………………….
 
Foglioline amare,
………………….
 
Si nun mme sbaglio, già nu filo 'argiento,
'mmiez'a sti ttrezze d'ebano, ve sponta.
Nun v'affliggite pe' st'avvenimento,
è 'o primmo filo janco e nun se conta.
E ghiammo bello cu sti tradimente,
che 'a lista è corta e nce vulesse 'a jonta.
 
Se non mi sbaglio, già un filo d'argento,
tra queste trecce d'ebano, vi spunta.
Non vi affliggete per questo avvenimento,
è il primo filo bianco e non si conta.
E andiamo avanti con questi tradimenti
che la lista è corta e ci vorrebbe l'aggiunta.
 
Frunnélle amare,
………………….
Foglioline amare,
………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia