UOCCHIE CH'ARRAGGIUNATE


(A. Falcone, Fieni, Falvo - 1904)


 
St'uocchie ca tiene belle,
lucente ccchiù d' 'e stelle,
sò' nire cchiù d' 'o nniro
só' comm'a duje suspire.
 
Questi occhi che hai, belli,
splendenti più delle stelle,
sono neri più del nero,
sono come due sospiri.
 
Ogne suspiro coce,
ma tene 'o ffuoco doce
e, comme trase 'mpietto,
nun lle dà cchiù arricietto.
 
Ogni sospiro scotta,
ma ha il fuoco dolce
e, come entra in petto,
non gli dà più riposo.
 
E chi ve pò scurdá,
uocchie ch'arraggiunate
senza parlà?
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stàteve nu poco,
comme dich'i',
comme dich'i',
comme vogl'i'.
 
E chi vi può dimenticare,
occhi che ragionate
senza parlare?
Senza parlare?
Guardatemi, sì,
e rimante un po'
come dico io,
come dico io,
come voglio io.
 
Sò nire, cchiù sblennente
'e ll'ebano lucente.
Comm'a na seta fina
só' ll'uocchie 'e Cuncettina.
 
Sono neri, più splendenti
dell'ebano luccicante.
Come una seta pregiata
sono gli occhi di Concettina.
 
Sempe ca 'e ttèngo mente,
nce trovo sentimente
pecché nce sta nu vezzo,
ca i' guardo e ll'accarezzo.
 
Ogni volta che li guardo,
ci trovo sentimento
perchè c'è un vezzo,
che io guardo e l'accarezzo.
 
E chi ve po' scurdà,
………………………
 
E chi vi può dimenticare,
…………………………….
 
Sciure e frónne addirose,
nun cerco tanta cose.
Né 'a cchiù bella guagliona,
si è ricca, mm'appassiona.
 
Fiori e foglie profumate,
non cerco tante cose.
Né la più bella ragazza,
se è ricca, mi appassiona.
 
Ma tutt' 'a simpatia,
ma tutt' 'a vita mia,
mme giova o mm'arruvina,
só' ll'uocchie 'e Cuncettina.
 
Ma tutta la simpatia,
ma tutta la mia vita,
mi giova o mi rovina,
sono gli occhi di Concettina.
 
E chi ve pò scurdà,
……………………..
E chi vi può dimenticare,
…………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia