UOCCHIE ‘E VELLUTO


(P. Mauro, Paliotti, Avilia – 1962)


 
Tu parte dimane,
tu vaje luntano,
chisà chistu treno ca veco ‘a luntano
‘o ssape che male fa a me.
 
Tu parti domani,
tu vai lontano,
chi sa se questo treno che vedo da lontano
lo sa il male che mi fa.
 
Uocchie ‘e velluto,
dimane a chest’ora
già si’ partuta.
Uocchie ‘e velluto
dimane a chest’ora
tutto è fernuto
 
Occhi di velluto,
domani a quest’ora
sei già partita.
Occhi di velluto
domani a quest’ora
tutto è finito
 
E te puorte cu’ttè chistu core,
e te puorte cu’ttè tutt’ ‘ammore,
e me resta sultanto ‘o ricordo
‘e chist’uocchie e d’ ‘e ssere passate cu’ttè…
Uocchie ‘e velluto.
 
E porti con te questo cuore,
e porti con te tutto l’amore,
e mi resta soltanto il ricordo
di questi occhi e delle sere passate con te…
Occhi di velluto.
 
Tu vasi sti mmane,
tu ‘nfonni sti mmane,
pecchè si’ me parli e dice ca tuorne
te tremma sta voce, pecchè?
 
Tu baci queste mani,
tu bagni queste mani,
perchè se mi parli e dici che torni
ti trema la voce, perchè?
 
E te puorte cu’ttè chistu core,
E te puorte cu’ttè tutt’ ‘ammore,
e me resta soltanto ‘o ricordo
e chist’uocchie e d’ ‘e ssere passate cu’ttè…
Uocchie ‘e velluto.
Uocchie ‘e velluto.
 
E porti con te questo cuore,
e porti con te tutto l’amore,
e mi resta soltanto il ricordo
di questi occhi e delle sere passate con te…
Occhi di velluto.
Occhi di velluto.
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia