VARCA D'AMMORE


(A. Gill – 1919)


 
Quanno la sera stévamo
vicino a 'sta marina,
quanno pe' me lucevano
chill'uocchie 'e Carulina.
 
Quando la sera eravamo
vicino a questa marina,
quando per me splendevano
quegli occhi di Carolina.
 
Dint'a na varca a cònnola
nuje jévamo a sunnà
e 'a vocca soja,
cchiù tènnera,
sentevo 'e suspirà.
 
In una barca a gondola
noi andavamo a sognare
e la sua bocca,
più tenera,
sentivo sospirare.
 
Voca luntano,
òrtame ammore,
pòrtame 'mmiez'ô mare.
Damme 'sta mana,
pìgliate 'o core,
quanto te voglio amà.
 
Rema lontano,
portami amore,
portami in mezzo al mare.
Dammi questa mano,
prenditi il cuore,
quanto ti voglio amare.
 
Li ccase s'addurmevano
vicino a 'sta banchina
e nuje ce alluntanàvamo
p' 'o mare 'e Margellina.
 
Le case dormivano
vicino a questa banchina
e noi ci allontanavamo
nel mare di Mergellina.
 
Si 'e bbracce meje, stancànnose,
lassavano 'e vucà,
'a voce soja,
cchiù tènnera,
turnava a suspirà.
 
Se le mie braccia, stancandosi,
smettevano di remare,
la sua voce,
più tenera,
tornava a sospirare.
 
Voca luntano,
……………….
 
Rema lontano,
………………..
 
Li vvarchetèlle tornano
p' 'o mare senza viento
e 'e marenare cantano
sott'a na luna 'argiento.
 
Le barchette tornano
dal mare senza vento
e i marinai cantano
sotto una luna d'argento.
 
Sola e malata, st'anema,
dint'a na varca va,
penzanno a chella femmena
ca cchiù nun turnarrà.
 
Sola e malata, quest'anima,
in una barca se ne va,
pensando a quella donna
che più non tornerà.
 
Voca luntano
varca d'ammore,
pe' dó' cchiù futo è 'o mare,
ca 'mmiez'ô mare,
perdette 'o core.
Vide 'e mm' 'o fà truvà.
Rema lontano
barca d'amore,
dove più profondo è il mare,
perchè in mezzo al mare,
ho perso il cuore.
Vedi di farmelo trovare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia