VASAMMOCE NA VOTA


(L. Cioffi, G. Cioffi – 1952)


 
Chist'uocchie vuoste che malincunia,
addó' ce avess' 'a ridere tutt' 'a felicità.
'Sta vócca vosta ca nun è d' 'a mia,
chisà che vase ardente sape dà.
Pecché ce avimm' 'a perdere
'a meglia giuventù?
Penzate, ll'anne pássano,
nun tornano maje cchiù.
 
Questi vostri occhi che malinconia,
dove dovrebbe ridere tutta la felicità.
Questa bocca che non è mia,
chissà che baci ardenti sa dare.
Perchè ci dobbiamo perdere
la migliore giovinezza?
Pensate, gli anni passano,
non tornano mai più.
 
Sentite a me, vasàmmoce na vota.
Pruvàmmola 'sta gioja pe' nu minuto,
ê vvote nu minuto è tutt' 'a vita
e io desse 'a vita mia pe' ve vasà.

Sentite a me, vasámmoce na vota,
na sera, pe' Pusilleco, d'està.
 
Ascoltatemi, baciamoci una volta.
Proviamola questa gioia per un minuto,
alle volte un minuto è tutta la vita
e io darei la mia vita per baciarvi.

Ascoltatemi, baciamoci una volta,
una sera, per Posillipo, d'estate.
 
Chi ve pò dì che vase appassiunate,
â sera, pe' Pusilleco, io ve sapesse dà?
Nuje pure, 'nziem'a ll'ati 'nnammurate,
sapéssemo ched è 'a felicità.
Sti vvócche se 'ncuntrassero
pe' nun se lassà cchiù.
Sti core se dicessero:
"Parlàmmoce cu 'o ttu".
 
Chi vi può dire che baci appassionati,
la sera, per Posillipo, vi saprei dare?
Anche noi, insieme agli altri innamorati,
sapremmo cos'è la felicità.
Queste bocche s'incontrerebbero
per non lasciarsi più.
Questi cuori si direbbero:
"Diamoci del tu".
 
Sentite a me, vasámmoce na vota.
…………………………………………
Ascoltatemi, baciamoci una volta.
………………………………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia