VENNEGNA


(Bonagura, Cozzoli – 1953)


 
Essa dicette a isso: "E' doce st'uva"
e, cu na pigna 'mmano, dicette: "Prova".
Po' fuje nu 'mbruoglio 'e vase ca va' trova
pe' quantu tiempo senza se lassà,
senza se lassà.
 
Lei disse a lui: "E' dolce quest'uva"
e, con un grappolo in mano disse: "Prova".
Poi fu un miscuglio di baci che, vai a sapere,
per quanto tempo senza lasciarsi,
senza lasciarsi.
 
Gente,
gente 'e campagna,
gente.
'Ntiempo,
'ntiempo 'e vennegna,
'ntiempo.
 
Gente,
gente di campagna,
gente.
In tempo,
in tempo di vendemmia,
in tempo.
 
Mentre addurava 'o mmusto
e se spugliava 'a vigna
ll'ommo ca na cumpagna
sempe vò' truvà…
penzanno: "Figliola figliola, si' doce e asprigna".
Vi' che vennégna se mettette a fà.

Vi' che vennégna se mettette a fà.
 
Mentre profumava il mosto
e si spogliava la vigna
l'uomo che una compagna
vuol sempre trovare…
pensando: "Figliola figliola, sei dolce e aspra".
Guarda che vendemmia si mise a fare.

Guarda che vendemmia si mise a fare.
 
Doppo stu fatto e doppo tre o quatto sere,
nu 'gnóre se 'ncuntraje cu n'atu 'gnóre.
Si chille, ognuno 'o ssape, fanno 'ammore,
nuje ch'aspettammo pe' ce apparentá?
Pe' ce apparentá?
 
Dopo questo fatto e dopo tre o quattro sere,
un signore s'incontrò con un altro signore.
Se quelli, ognuno lo sa, stanno insieme,
noi che aspettiamo a diventare parenti?
A diventare parenti?
 
Gente,
……….

Ammore ammore, sempe chesto fa
'ntiémpo 'e vennégna, oilà,
'ntiémpo 'e vennégna.
Gente,
……….

Amore, amore, fa sempre questo
in tempo di vendemmia, oilà,
in tempo di vendemmia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia