VICO 'E NOTTE


(C. Villa – 1961)


 
Vico 'e notte,
doje file 'e porte 'nchiuse
e io vaco sulo sulo pe' stu vico.
Vurrìa ca juorno nun facesse maje,
vurrìa restà cu 'sta malincunia.
Pe' 'sta malincunia,
'a notte è tutta 'a mia,
'a notte è tutta 'a mia.
Si stònno 'a mano piglio 'e stelle 'a cielo
e 'o cielo se fa scuro comm' 'o vico.
Vico 'e notte,
nisciuno vò' stà sulo e i', pe' dispietto,
nun voglio cumpagnia.
'A luna mme fa 'a spia,
'a reto a nu puntone mme fa 'a spia
e tutt' 'e stelle ca mme só' arrubbate,
'e vva cercanno 'nterr'a nu balcone
addó' ll'ammore
nun se vò' cchiù affaccià.
 
Vicolo di notte,
due file di porte chiuse
e io vado da solo per questo vicolo.
Vorrei che non facesse mai giorno,
vorrei rimanere con questa malinconia.
Per questa malinconia,
la notte è tutta mia,
la notte è tutta mia.
Se allungo una mano prendo le stelle dal cielo
e il cielo diventa scuro come il vicolo.
Vicolo di notte,
nessuno vuole stare solo ed io, per dispetto,
non voglio compagnia.
La luna mi spia,
dietro l'angolo mi spia
e tutte le stelle che ho rubato,
le sta cercando su di un balcone
dove l'amore
non si vuole più affacciare.
 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia