VIENETENNE A POSITANO


(Bonagura, De Angelis – 1955)


 
Ce venètte nu furastiere,
ce venètte tant'anne fa.

   Ce venètte tant'anne fa.

Só' tant'anne lle pare ajere,
nun se stanca cchiù d' 'a guardà.

   Nun se stanca cchiù d' 'a guardà.
 
Ci venne un forestiero,
ci venne tanti anni fa.

   Ci venne tanti anni fa.

Sono tanti anni gli sembra ieri,
non si stanca più di guardarla.

   Non si stanca più di guardarla.
 
Fuje 'o stesso cu nu pittore,
fà nu quadro, po' n'ato e po'
dice: "Parto" ma sempe 'o core
risponne:"No".
 
Fu lo stesso con un pittore,
fa un quadro, poi un altro e poi
dice: "Parto" ma sempre il cuore
risponde: "No".
 
Oje bella, viéneténne a Positano,
addó' ll'uocchie cu 'e suonne
'ncantàte se pònno guardà.
Addó' se vótta 'o vverde 'int' 'o tturchino
e na casa se 'ntóppa
cu n'ata ca 'ncòppa lle sta.
 
Oh bella, vieni a Positano,
dove gli occhi con i sogni
incantati si possono guardare.
Dove si butta il verde nell'azzurro
e una casa si tocca
con un'altra e sopra le sta.
 
Oje bella, fa' na 'ntésa cu st'ammore,
cu'mmé, ca si vuó' stu core,
t'aspetto ccà.

Stu paese s'appiccia e pare
nu presepio 'nnanze a te.

   Nu presepio 'nnanze a te.

Ogne sera, fra cielo e mare,
stu miracolo puó' vedé.

   Stu miracolo puó' vedé.
 
Oh bella, fai un patto con questo amore,
con me, che se vuoi questo cuore,
ti aspetto qua.

Questo paese si accende e sembra
un presepio davanti a te.

   Un presepio davanti a te.

Ogni sera, fra cielo e mare,
questo miracolo puoi vedere.

   Questo miracolo puoi vedere.
 
Pe' 'sta cosa ca s'è saputa,
comm'è stato, se pò capì.
Tutt' 'a gente, quann'è venuta,
nun vò' partì.
 
Quando questa cosa si è saputa,
com'è stato, si può capire.
Tutta la gente, quando è arrivata,
non vuole partire.
 
Oje bella, viéneténne a Positano,
………………………………………
Oh bella, vieni a Positano,
……………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia