VIERNO


(Acampora, De Gregorio – 1946)


 
E' vierno, chiove, chiove 'a na semmana
e st'acqua assaje cchiù triste mme mantene.
Che friddo, quanno è 'a sera, ca mme vène,
cu st'aria 'e neve, mo ca manche tu.
'Sta freva, ca manch'essa mm'abbandona,
'sta freva, 'a cuollo, nun se leva cchiù.
 
E' inverno, piove, piove da una settimana
e quest'acqua mi tiene molto più triste.
Che freddo, quando è sera, che mi viene
con quest'aria di neve, ora che manchi tu.
Questa rabbia, nemmeno lei mi abbandona,
questa rabbia, di dosso, non si toglie più.
 
Vierno,
che friddo 'int'a stu core
e sola tu,
ca lle puó' dà calore,
te staje luntana e nun te faje vedé.
Te staje luntana e nun te cure 'e me.
 
Inverno,
che freddo in questo cuore
e sola tu,
che gli puoi dare calore,
stai lontana e non ti fai vedere.
stai lontana e non ti preoccupi di me.
 
Ca mamma appiccia 'o ffuoco tutt' 'e ssere
dint'a 'sta cammarella fredda e amara?
"Ma che ll'appicce a fà, vecchia mia cara,
s'io nun mme scarfo manco 'mbracci'a te?"
Povera vecchia mia, mme fa paura.
E' n'ombra ca se move attuorno a me.
 
Perchè mamma accende il fuoco tutte le sere
in questa cameretta fredda e amara?
"Ma cosa lo accendi a fare, mia cara vecchia,
se non mi scaldo nemmeno tra le tue braccia?"
Povera vecchia mia, mi fa paura.
E' un'ombra che si muove intorno a me.
 
Vierno,
……….
Inverno,
………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia