VIERNO TRASE


(P. De Filippo – 1966)


 
P' 'o cielo aria 'e tempesta,
sole nascosto,
nfra terra e mare
nuvole a centenara.
 
Nel cielo aria di tempesta,
sole nascosto,
tra terra e mare
nuvole a centinaia.
 
Cu 'e primme fridde vène 'a pecundrìa,
vierno trase,
malincunia.
Si na speranza tiene dint' 'o core,
lenta e triste se ne more.
Addio sere d'estate
e serenate
cantate p' 'e ciardine e 'mmiez'ê vvie.
Addio nuttate belle
ciele puntiate 'e stelle,
si site 'nnammurate e v'ha lassato.
Che pecundrìa.
 
Con i primi freddi arriva la tristezza,
arriva l'inverno,
malinconia.
Se hai una speranza nel cuore,
lenta e triste muore.
Addio sere d'estate
e serenata
cantate nei giardini e nelle strade.
Addio nottate belle
cieli trapuntati di stelle,
se siete innamorati e vi ha lasciato.
Che tristezza.
 
Vola n'auciello spierzo, senz'ammore,
comme spierzo va chistu core.
Scorre, p' 'e titte, ll'acqua 'mmiez'â via.
Vierno trase,
che nustalgìa.
Addio carezze e vase,
addio surrise,
'mmiez' 'âddóre d' 'e sciure
e 'e panne spase.
Addio sole d'estate,
addio tiempe passate.
Si site 'nnammurate
e v'ha lassato,
che pecundrìa.
 
Vola un uccello perso, senza amore,
come perso va questo cuore.
Scorre, sui tetti, l'acqua nelle strade.
Arriva l'inverno,
che nostalgia.
Addio carezze e baci,
addio sorrisi
tra l'odore dei fiori
e dei panni stesi.
Addio sole d'estate,
addio tempi passati.
se siete innamorati
e vi ha lasciato.
Che tristezza.
 
P' 'o cielo aria 'e tempesta.
Oj' bella estate addio,
more ll'ammore mio
e vierno trase.
Nel cielo aria di tempesta.
Oh bella estate addio,
muore il mio amore
e arriva l'inverno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia