VOCCA 'E ROSA


(Mallozzi, Rendine)


 
Te vedètte ll'ata sera
doppo n'anno e forse cchiù.
Te lassaje a primmavera,
chiena 'e rose e giuventù.
Mo te trovo triste e stanca,
quase nun mme pare tu.
 
Ti vidi l'altra sera
dopo un anno e forse più.
Ti lasciai in primavera,
piena di rose e giovinezza.
Ora ti trovo triste e stanca,
quasi non mi sembri tu.
 
Vócca 'e rosa,
vócca 'e rosa te chiammavo.
Tutt' 'e vase ca mme dive,
ne facevo nu buchè.
Doppo n'anno,
doppo n'anno sulamente,
vócca 'e rosa cchiù nun sì'.
Io te guardo e, tristamente,
penzo a chello ca mo sì'.
 
Bocca di rosa,
bocca di rosa ti chiamavo.
Tutti i baci che mi davi,
ne facevo un bouquet.
Dopo un anno,
dopo un anno soltanto,
non sei più bocca di rosa.
Io ti guardo e, tristemente,
penso a quello che sei adesso.
 
Giuvinotto, primmo ammore,
mm'attaccaje 'mbracci'a te.
E tu pure, anema e core,
t'astrigniste 'mpietto a me.
Po' partette, fuje surdato:
"Statte accorta, picceré'".
 
Giovanotto, primo amore,
mi attaccai alle tue braccia.
E anche tu, anima e cuore,
ti stringesti a me.
Poi partii, divenni soldato:
"Stai attenta, piccolina".
 
Vócca 'e rosa,
vócca 'e rosa te chiammavo.
Tutt' 'e vase ca mme dive,
ne facevo nu buchè.
Doppo n'anno,
tutt' 'e rrose, puntualmente,
só' turnate attuorno a me.
Vócca 'e rosa, sulamente,
s'è sfrunnata. Ma pecché?
Bocca di rosa,
bocca di rosa ti chiamavo.
Tutti i baci che mi davi,
ne facevo un bouquet.
Dopo un anno,
tutte le rose, puntualmente,
sono tornate intorno a me.
Bocca di rosa, solamente,
è appassita. Ma perchè?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia