VOCE 'E NOTTE


(Nicolardi, E. De Curtis - 1905)


 
Si 'sta voce te scéta 'int' 'a nuttata,
mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino,
statte scetata, si vuó' stà scetata,
ma fa' vedé ca duorme a suonno chino.
 
Se questa voce ti sveglia nella notte
mentre ti stringi vicino il tuo sposo,
resta sveglia, se vuoi stare sveglia,
ma fa vedere che dormi profondamente.
 
Nun ghì vicino ê llastre pe'ffà 'a spia,
pecché nun puó' sbaglià, 'sta voce è 'a mia.
E' 'a stessa voce 'e quanno tutt'e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu 'o "vvuje".
 
Non andare vicino ai vetri per spiare,
perchè non puoi sbagliare, questa voce è mia.
E' la stessa voce di quando tutti e due,
con vergogna, ci parlavamo dandoci del "voi".
 
Si 'sta voce te canta dint' 'o core
chello ca nun te cerco e nun te dico,
tutt' 'o turmiento 'e nu luntano ammore,
tutto ll'ammore 'e nu turmiento antico.
 
Se questa voce ti canta nel cuore
quello che io non ti chiedo e non ti dico,
tutto il tormento di un amore lontano,
tutto l'amore di un tormento antico.
 
Si te vène na smania 'e vulé bene,
na smania 'e vase córrere p' 'e vvéne,
nu fuoco che t'abbrucia comm'a che,
vàsate a chillo, che te 'mporta 'e me?
 
Se ti senti una voglia di volere bene,
una voglia di baci correre per le vene,
un fuoco che ti brucia come non so cosa,
bacia quello, che cosa t'importa di me?
 
Si 'sta voce, che chiagne 'int' 'a nuttata,
te sceta 'o sposo, nun avé paura.
Vide ch'è senza nomme 'a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura.
 
Se questa voce che piange nella notte,
sveglia il tuo sposo, non aver paura,
Digli che è senza nome la serenata,
Digli che dorma, che si rassicuri.
 
Dille accussì: "Chi canta 'int'a 'sta via
o sarrà pazzo o more 'e gelusia.
Starrà chiagnenno quacche 'nfamità.
Canta isso sulo, ma che canta a fà?"
Digli così: "Chi canta in questa strada
o sarà pazzo o muore di gelosia.
Starà piangendo per qualche infamia.
Canta da solo, Ma cosa canta a fare?


La canzone è ispirata ad un fatto realmente accaduto all’autore, Eduardo Nicolardi. Nel 1903, all’età di 25 anni, il giovane poeta innamorò di Anna Rossi, figlia di un ricco commerciante di cavalli. I genitori di lei, però, non vedevano di buon occhio questo amore sia perchè Nicolardi era di un ceto sociale inferiore, sia perchè la figlia era stata già promessa in sposa a Pompeo Corbera, un ricco cliente del padre, che al momento delle nozze aveva già 75 anni. Il destino, però, fu benevolo con Nicolardi visto che Pompeo Cobrera morì poco tempo dopo il matrimonio e lui e Anna poterono coronare il loro sogno d’amore dal quale nacque questa canzone.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia